0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Malika Ayane tra i vincitori del Trofeo InSound

L’artista ha vinto il premio, indetto dal mensile dedicato ai musicisti e agli strumenti, nella categoria “Voce”. Tra i sedici vincitori anche Finaz della Bandabardò.
A cura di Paola Ciaramella
0 CONDIVISIONI

Il 2010 è stato un anno di successi per Malika Ayane: la giovane cantante è considerata una delle voci più interessanti del panorama musicale italiano odierno, particolarmente apprezzata soprattutto dalla critica. Ora per lei arriva un riconoscimento direttamente dal pubblico: c’è anche il suo nome, infatti, tra quelli dei vincitori del IV Trofeo InSound, assegnato dalla rivista omonima ai migliori musicisti italiani votati dai lettori.

Da quattro anni il mensile, dedicato ai musicisti e agli strumenti, premia gli artisti dividendoli in sedici categorie – la Ayane riceverà il riconoscimento nella categoria "Voce". L’obiettivo non è quello di stilare una classifica come tante, ma di valorizzare la musica di qualità e i suoi esponenti più meritevoli, promuovendo una cultura dell’impegno e della passione, valori ancora attuali, nonostante tutto.

La serata finale del contest, organizzata con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, si terrà lunedì prossimo, 13 settembre, presso lo Spazio Oberdan del capoluogo lombardo: i sedici vincitori, ciascuno nella propria categoria strumentale, riceveranno il Trofeo dai rappresentanti delle aziende sponsor e si esibiranno poi in brevi interventi musicali inediti.

Tra i premiati figura anche Alessandro “Finaz” Finazzo – "Chirarra acustica" – della Bandabardò, il gruppo rock e folk formatosi nel ’93 a Firenze, che scelse il suo nome come omaggio a Brigitte Bardot. Nei suoi diciassette anni di carriera, la band ha collaborato anche con diversi artisti, tra cui Daniele Silvestri, Max Gazzé

malika ayane

, Paola Turci e Patty Pravo.

Paola Ciaramella

0 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views