In ‘Adesso e qui (Nostalgico presente)" Malika Ayane era l'assistente e il lanciatore di coltelli e cantava il suo successo sanremese – che l'ha portata sul podio – attaccata alla ruota, mentre i coltelli la sfioravano. Nessun cambio d'abito, ma solo un body nero adornato di penne. Poi, però, lo spirito di Malika è uscito fuori con "Senza fare sul serio", il secondo singolo tratto da ‘Naif', il suo secondo, fortunato, album. Per il video girato a Budapest e diretto da Federico Brugia la cantante invece si è sbizzarrita e così ha dato vita a tutto il suo estro per dare immagini a un successo che ieri sera è stato parte della colonna sonora della vittoria di Flavia Pennetta, nella finale tutta italiana, agli Us Open. Dalla vestaglia rosa con cui si svegliava ripetutamente nel video che, appunto, ripeteva costante (più o meno) la stessa giornata, alle piume rosa usate per fare benzina, alla pelliccia marrone, fino ai colori sgargianti del resto degli abiti. Elegante, come la sua musica, con un tocco di follia che la rendono una delle cantanti e una dei personaggi più bravi e interessanti del panorama musicale italiano.

Per il ritorno dalle vacanze e dar seguito ai primi due video, la cantante ha voluto ‘Tempesta', scritto ancora una volta con il cantautore Pacifico, con cui la cantante intrattiene una solida collaborazione, e musica firmata da Shridhar Solanki (autore di hit per artisti come Carrie Underwood, Craig David, Natalie Imbrugli) e Simon Wilcox. Solita attenzione al testo che "indaga e racconta della fugacità dei sentimenti e la complessità dei rapporti umani", accompagnata da un uptempo che, nonostante la malinconia, non fa stare fermi. IL video, girato ancora una volta da Brugia, è stato presentato in anteprima alla 72esima Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia (dove la cantante era nella giuria che ha assegnato il Soundtrack Stars Award alla migliore colonna sonora tra quelle dei film in concorso alla Mostra del Cinema) ed è ispirato al film indiano di Raja Nawathe “Gumnaam” cult movie anni sessanta di Bollywood.

Anche qua si ritrova la cantante, tra vestiti gialli con le paillette e balletti improbabili non rinuncia alla sua (auto)ironia. Sia il video che il brano sono perfetti per bissare il successo dei due singoli precedenti (il primo con più di 6 milioni di views e il secondo con oltre 15 milioni) e chissà che l'imminente tour non dia una spinta ulteriore. La Ayane, infatti, si prepara al suo "Naif Tour 2015" che la vedrà impegnata il 12 e 13 ottobre a Milano (Barclays Teatro Nazionale), 16 ottobre a Bergamo (Teatro Creberg), 17 ottobre a Mantova (Palabam), il 20 ottobre a Genova (Teatro Politeama), il 21 ottobre a Brescia (Palabanco), il 26 ottobre a Torino (Teatro Colosseo), il 28 ottobre a Firenze (Teatro Verdi), il 29 ottobre ad Assisi – PG (Teatro Lyrics), il 3 novembre a Roma (Auditorium Conciliazione), il 7 novembre a Vicenza (Teatro Comunale), l'8 novembre a Parma (Teatro Regio), il 10 novembre a Napoli (Teatro Augusteo), l'11 novembre a Pescara (Teatro Massimo), il 12 novembre a Senigallia – AN (Teatro La Fenice), il 15 novembre a Trento (Auditorium Santa Chiara), il 16 novembre a Udine (Teatro Nuovo), il 23 novembre a Lecce (Teatro Politeama), il 24 novembre a Bari (Teatro Team), il 26 novembre a Reggio Calabria (Teatro Cilea), il 27 novembre a Catania (Teatro Metropolitan), il 28 novembre a Palermo (Teatro Golden), il 3 dicembre a Lugano (Centro Congressi), l'11 dicembre a Sanremo (Teatro Ariston).