Madonna (Photo by Nicholas Hunt/Getty Images)
in foto: Madonna (Photo by Nicholas Hunt/Getty Images)

Ieri sera sono andati in scena i Billboard Women in Music 2016, la serata dedicata alle donne che quest'anno hanno avuto un ruolo importante nel mondo della musica, che si è trasformata in una serata in cui molte tra le premiate hanno voluto parlare della difficoltà di essere donne in questo mondo e non solo, portando sul palco molti aneddoti personali, come hanno fatto, ad esempio Madonna e Kesha, premiate assieme, tra le altre, alle Fifth Harmony e Alessia Cara. Madonna è stata decretata Donna dell'anno 2016 e ha voluto cogliere l'occasione per ripercorrere le difficoltà attraversate, come artista donna, in tutta la sua carriera, dal trasferimento a New York a oggi, subissata di appellativi come "put*ana", "strega" e "Satana".

Essere donna nel mondo della musica

"Grazie per aver riconosciuto la mia capacità di portare avanti la mia carriera per 34 anni sfidando il peggior sessismo, la misoginia, il continuo bullismo e i continui abusi" ha detto la cantante, prima di parlare della difficoltà di vivere in quel mondo, negli anni in cui l'Aids faceva tantissimi morti, assieme alla droga e alle sparatorie ("Ho perso quasi tutti i miei amici a causa dell'Aids, della droga e delle sparatorie"). Ma tornando alle difficoltà  dell'essere donne in un mondo prevalentemente maschile e sessista ha spiegato: "Se sei una ragazza devi recitare quella parte. Ti è permesso essere carina, simpatica e sexy, ma non devi apparire troppo sveglia e non devi avere opinioni che oltrepassino la linea dello status quo. Ti è permesso essere trattata come un oggetto dagli uomini e vestire come una tro*a, ma guai a mostrarti in quel modo. E non, ripeto non, condividete le vostre fantasie sessuali col mondo. Siate ciò che gli uomini vogliono che siate, ma soprattutto, siate ciò che le donne hanno bisogno per sentirsi a proprio agio quando sono con gli uomini. E, infine, non invecchiate, perché invecchiare è peccato. sarete criticate, svilite e non passate in radio".

La persona più odiata al mondo

La cantante ha ripercorso anche il periodo in cui diventò "la persona più odiata al mondo" e fu quando, dopo aver spostato Sean Penn – cosa che le diede un lungo periodo di ombra ("Non ero considerata una minaccia") -, divorziò e pubblicò "Erotica" e il suo libro sul sesso: "Ricordo che divenni la notizia principale di ogni rivista al mondo. Ogni cosa che leggevo su di me era una prova di colpevolezza, mi definirono "put*ana" e "strega" e un titolo mi paragonò a satana. Allora mi dissi: "Ehi, ma non è Prince che sta girando con calze a rete, tacchi alti e rossetto con il culo mostrato al mondo? certo, ma lui era uomo (…). È stata la prima volta che capii realmente che le donne non hanno le stesse libertà degli uomini".

La cosa più controversa che ha fatto nella vita

Ma qual è la cosa più controversa che abbia mai fatto nella vita? La risposta la dà lei stessa: "La cosa più discussa che abbia fatto, comunque, è quella di essere ancora qua. Michael se n'è andato, Prince se n'è andato, Whitney se n'è andata, Ami Winehouse se n'è andata, David Bowie se n'è andato, ma io sono ancora qua. Sono una delle fortunate e ogni giorno capisco che fortuna sia stata".