16 Marzo 2011
19:18

Lucio Battisti, emozioni, riflessioni e pensieri

Il cantautore di Poggio Bustone rappresenta per la canzone italiana quello che i Beatles hanno espresso nel mondo per il pop ed il rock’n’roll. Le sue canzoni sono parte del DNA di ogni connazionale.
A cura di Biagio Chiariello

Se dovessimo fare un nome di un artista musicale simbolo della canzone italiana, in occasione di questo 17 marzo, giorno di celebrazione per i 150 anni dell'Unità d'Italia nel quale vi raccontiano altre storie di Noi italiani, forse diremmo Lucio Battisti (senza dimenticare Fabrizio De Andrè, Mina e Rino Gaetano). Il cantautore di Poggio Bustone rappresenta per la canzone italiana quello che i Beatles hanno espresso nel mondo per il pop ed il rock’n’roll. La musica contemporanea nel nostro Paese si è sviluppata sicuramente anche grazie a questo eccezionale cantante, autore e produttore discografico: il suo impegno infatti ha  avuto il senso di una cambiamento, visto che è stato in grado di modificare le inclinazioni musicali degli italiani. Sebbene i suoi limiti vocali fossero abbastanza evidenti (tono di voce quasi rauco e limitata estensione), Battisti ha dimostrato una grande forza d'animo ed una personalità robusta, che andavano oltre le apparenze di fragilità, riuscendo ad imporsi nel panorama musicale italiano.

Lucio nasce il 5 marzo del 1943, a Poggio Bustone (Rieti). Il suo esordio musicale avviene nel 1962, col gruppo de "I Mattatori" a Napoli, ma dopo un'annata tra alti e bassi decide di far ritorno nella sue terre, dove si unisce a "I Satiri" e poi a "I Campioni". La svolta è datata 1965, quando Battisti fu invitato dalla casa musicale "El & Chris" dove incontrò Giulio Rapetti, meglio noto come Mogol.

Nacque così il più grande sodalizio della musica leggera italiana degli ultimi temi: Mogol-Battisti, una ‘'impresa’' che genererà un successo discografico dopo l’altro, raggiungendo i primi posti delle classifiche,  con canzoni diventate patrimonio della cultura italiana. Inutile farne una lista: sono davvero tante le canzoni di questa "premiata ditta" profondamente incastonate nel DNA di ogni nostro connazionale. Tantissimi coloro che hanno cominciato a strimpellare la chitarra sui pezzi di Battisti, ancor di più coloro che ne canticchiano i testi, spesso dopo averne sentito solo poche strofe.

Col primo album registrato nel 1967 Lucio sforna subito i primi successi da cantautore: "Per una lira" e "Dolce di giorno". Le sue prime apparizioni, tuttavia, non sembrano ottimali dal punto di vista puramente estetico: quei capelli così ricci e spettinati, quel fazzoletto sempre attorno al collo. Tant'è che nelle prime copertine appare addirittura di spalle.

Nel 1968 con "Balla Linda" Battisti prende parte al Cantagiro; l'anno dopo, con Wilson Pickett, porta a Sanremo "Un'avventura". L' affermazione definitiva giunge nell'estate 1970, al Festivalbar, con "Acqua azzurra, acqua chiara".

Ma gli anni di Lucio sono stati certamente i Settanta e gli Ottanta, inaugurati con due vere e propri hit, "La canzone del sole" e "Anche per te", incise per la sua nuova casa discografica, da lui stesso creata con alcuni amici e collaboratori e che viene intitolata simbolicamente "Numero Uno". Da quel momento in poi presenterà una serie incredibile di successi, di vere e proprie opere d'arte, che raggiungono sistematicamente la vetta delle classifiche. Inoltre Battisti è stato anche autore per altri musicisti, contribuendo a hit di Mina, Patty Pravo, Formula Tre e Bruno Lauzi.

Le sue canzoni sono state re-interpretate da molteplici artisti: all'ultimo Festival di Sanremo, Nathalie ha cantato Il Mio Canto Libero, non a caso nella serata dedicata ai brani storici per la celebrazione dei 150 anni dell'Unità d'Italia.

Il 9 settembre 1998 Lucio Battisti è morto, suscitando tanto clamore quanta commozione in un'Italia che, nonostante la ventennale assenza dalla scena mediatica (il 1976 è l'anno della "scomparsa"), lo ha sempre adorato e sostenuto. La malattia, prima della morte, è stata caratterizzata dal silenzio quasi totale per quanto riguarda l'effettivo stato di salute. Ora riposa a Molteno, sua ultima patria, in provincia di Lecco, meta di continui pellegrinaggi da parte dei fan.

Guarda la gallery delle altre storie di Noi Italiani

Lucio Battisti. L'Opera Omnia in un'edizione limitata di 1000 copie
Lucio Battisti. L'Opera Omnia in un'edizione limitata di 1000 copie
Lucio Battisti: è scontro tra la moglie e Mogol sull'inedito Il Paradiso Non è Qui
Lucio Battisti: è scontro tra la moglie e Mogol sull'inedito Il Paradiso Non è Qui
L'ultima canzone inedita di Lucio Battisti
L'ultima canzone inedita di Lucio Battisti
Terence Hill dice addio a Don Matteo dopo 20 anni: il video dell'ultima scena e il saluto del cast
Terence Hill dice addio a Don Matteo dopo 20 anni: il video dell'ultima scena e il saluto del cast
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni