Nella foto di presentazione della scheda di Amici, Lidia Cocciolo ha un sorriso che la contraddistinguerà per tutta la sua avventura nella scuola della De Filippi. Capelli ricci biondi, occhi verdi, orecchino al naso e il sogno di diventare cantante. Era la seconda stagione del talent targato Maria e l'edizione fu vinta da Giulia Ottonello, ma forse il personaggio di cui ci si ricorda di più è la ballerina albanese Anbeta Toromani che finì seconda dietro al cantante canadese Timothy Snell. Giusto un passo più in basso del podio, però, si piazzò proprio lei, Lidia, che non sfonderà mai nel canto, ma che, intraprendente e con la testa dura, decise che il mondo dello spettacolo doveva essere la sua casa.

Partiva dal suo sorriso e da una passione per il canto che, però, non aveva mai studiato. Fu la scuola a provare a dare forma a questa sua passione completamente autodidatta, visto che nella vita faceva la cameriera nel ristorante dei suoi genitori (ma il padre, oltre a essere un vincitore dello Zecchino D'oro, è anche un musicista). La scuola l'ha formata e le ha dato la fiducia nei propri mezzi e così, finita quell'esperienza, Lidia si è definitivamente trasferita a Roma per studiare recitazione e canto e da lì far partire la sua seconda vita che niente ha a che fare con la ristorazione. Lidia, infatti, smessi i panni della studentessa, come molti dei suoi colleghi usciti dai talent, si dà al musical dove mette in pratica gli insegnamenti attoriali e di canto dei professori. Dopo le solite ospitate post programma è "Footloose" a darle la possibilità di confrontarsi coi palchi e col pubblico e soprattutto di mettere in pratica quello che ha imparato.

"Studio, determinazione e un pizzico di fortuna" è quello di cui ha avuto bisogno per proseguire la carriera nello spettacolo, come ammette, intervistata da Valerio Scanu, in un pezzo di "È donna". E così dal musical la sua carriera si sposta sul piccolo e grande schermo, con ruoli vari. Recita, nel 2013, per Giovanni Veronesi ne "L'ultima ruota del carro", ma è soprattutto con gli spot in tv che il suo volto continua a restare noto ai telespettatori. Prima è il quello della Nutella, poi è al fianco di George Clooney nello spot della Fastweb, dove la Coccioli vede uscire l'attore americano da un tombino, col Colosseo sullo sfondo e viene presa per matta dal vigile a cui lo racconta. Nel 2014, poi, è diventata il volto della Lines.

Ma c'è tanta tv nella vita dell'ex Amici. La Coccioli, infatti, recita in serie come "Don Matteo 7", "Non smettere di sognare", "Distretto di Polizia 9" e ultimamente ha recitato nella parte della radiologa in "Braccialetti Rossi", la fortunata serie di Rai Uno che racconta l'amicizia tra alcuni bambini ricoverati in ospedale che hanno un braccialetto rosso come simbolo del loro legame.

Negli anni la Cocciolo ha continuato ad alternarsi su diversi palcoscenici, quelli della pubblicità, ovviamente, con l'apparizione in pubblicità come quella di Alitalia (dove interpreta un'hostess) o quella di Facile.it diretto da Paolo Genovese o lo spot ufficiale di Vivilavitainpuglia girato nel 2017, ma la Cocciolo non ha abbandonato la sua passione principale unendo il canto alle prove attoriali con spettacoli come "Il pianoforte che dipinge" (regia di Serena De Simone e direzione artistica di Nadia Carbone) in cui la sua voce "attraverso alcuni monologhi racconterà di noi, dell’amore e della vita, del bene e del male odierno" o progetti musicali in cui la cantante "esplora le melodie della musica italiana ed internazionale con le canzoni che hanno contaminato il suo percorso artistico. Dall’interpretazione dei brani di Mina e Ornella Vanoni a Eva Cassidy e Nora Jones, da Pino Daniele a Amy Winehouse, creando atmosfere suggestive e vintage". Nelle scorse settimane, poi, la Cocciolo si è anche spesa molto politicamente, appoggiando senza se e senza ma l'attuale Sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, uscito vincitore alle ultime Amministrative.