451 CONDIVISIONI
20 Giugno 2022
07:50

L’esordio di Marco Mengoni al San Siro è davanti a 55 mila fan: dopo gli stadi arrivano i palazzetti

Marco Mengoni esordisce negli stadi davanti ai 55 mila di San Siro portandoli con sé in un esclusivo club anni ’70 tra hit, chicche e la voglia di riabbracciare il suo pubblico.
A cura di Redazione Music
451 CONDIVISIONI
Marco Mengoni al San Siro di Milano (ph Andrea Bianchera)
Marco Mengoni al San Siro di Milano (ph Andrea Bianchera)

Erano anni, ormai, che Marco Mengoni aspettava di poter fare il suo esordio negli stadi davanti al suo pubblico e il 19 giugno quel sogno lo ha esaudito. Davanti a circa 55 mila fan, Mengoni si è preso San Siro con uno spettacolo imponente e una setlist di 27 canzoni, spaziando in tutto il suo repertorio, con una voglia matta di ricreare le atmosfere black degli anni '70, che sono state da sempre suo punto di riferimento, nonché il filo conduttore dello spettacolo, a partire dalla costruzione del palco: "Quando ho cominciato a fare i primi schizzi del mio palco ho pensato che avrei voluto riprodurre l’atmosfera calda e avvolgente degli show musicali degli anni 70. Le atmosfere black mi accompagnano da sempre e anche le reference visive di questo tipo per me sono importanti".

Un maxi schermo alle spalle lavora per unire Mengoni e il pubblico fin dalle prime canzoni: il live si apre con "Cambia un uomo" e prosegue con "Esseri umani", "No stress" e "Voglio". Marco è su un elevatore, cambia l'outfit, parte "Mohammed Alì" ma è con la riproposizione di "Psycho Killer" che si entra appieno nei '70 e arriva il momento di brani come "Credimi ancora", "Mi fiderò", "Solo due satelliti" e nel frattempo le influenze arrivano al pubblico anche grazie a un mix cantato dalle coriste che unisce artisti come Sly & Family Stone, Aretha Franklin, Curtis Mayfield. Poi di fila "Proteggiti da me", "Parole in circolo", "L'essenziale", "Non passerai" e "Onde".

L'atmosfera ormai è più che calda, cambia il contesto, questo nuovo blocco è più introspettivo, il cantante è in un cubo e canta brani come "Sai che", "Ti ho voluto bene veramente" e "Guerriero" tra le altre, fino ad accompagnare il pubblico verso un poker finale che prevede "Ma stasera", "Pronto a correre", "Io ti aspetto" e "Buona vita" che arriva quando il pubblico meno se l'aspetta. L'appuntamento è per la seconda tappa, quella del 22 giugno all'Olimpico di Roma, quando sul palco con Mengoni saliranno anche ospiti come Giuliano Sangiorgi, Gazzelle e Madame.

Contestualmente al via di quesa doppia data negli stadi, poi, Marco Mengoni ha anche voluto annunciare nuovi appuntamenti. Dopo l'estivo, infatti, ci sarà la leg autunnale con il cantante che tornerà col suo spettacolo nei palazzetti italiani. Si parte il 2 ottobre con la data zero alla Grana Padano Arena & Theatre di Mantova per proseguire il5 ottobre al Mediolanum Forum di Milano, il 12 al PalaAlpitour di Torino, il 14 alla Unipol Arena di Bologna, il 16 alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, il 18 al Nelson Mandela Forum di Firenze, il 21 al Palazzetto dello Sport di Roma per chiudere il 27 ottobre al Palasele di Eboli.

  • 2 ottobre 2022 – Mantova (Grana Padano Arena&Theatre) // DATA ZERO
  • 5 ottobre 2022 – Milano (Mediolanum Forum)
  • 12 ottobre 2022 – Torino (PalaAlpitour)
  • 14 ottobre 2022 – Bologna (Unipol Arena)
  • 16 ottobre 2022 – Pesaro (Vitrifrigo Arena)
  • 18 ottobre 2022 – Firenze (Nelson Mandela Forum)
  • 21 ottobre 2022 – Roma (Palazzo dello Sport)
  • 27 ottobre 2022 – Eboli (Palasele)
451 CONDIVISIONI
La scaletta del concerto di Marco Mengoni: le canzoni del tour 2022 negli stadi
La scaletta del concerto di Marco Mengoni: le canzoni del tour 2022 negli stadi
Marco Mengoni torna a incontrare i fan: come partecipare agli appuntamenti di Milano e Roma
Marco Mengoni torna a incontrare i fan: come partecipare agli appuntamenti di Milano e Roma
Castillejo cambia le luci del tunnel di San Siro dopo il derby: le rosse sostituiscono le blu
Castillejo cambia le luci del tunnel di San Siro dopo il derby: le rosse sostituiscono le blu
2.493 di Sport Viral
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni