Le ultime parole di Pau Donés e tutto il suo fine vita viene raccontato in un documentario che colpisce fortissimo al cuore. Si chiama "Eso que tú me das", come il titolo dell'ultima canzone pubblicata con i suoi Jarabe de Palo. È stato presentato al Festival di Malaga in anteprima ed ha commosso tutti. È il risultato di una lunga intervista con l'amico giornalista Jordi Évole: «Pau mi aveva chiamato dicendo: ‘Voglio fare un'intervista assolutamente nuova, da un posto assolutamente inedito, perché sto morendo'».

Le parole di Pau Donés

Venti giorni prima di morire, Pau Donés e Jordi Évole si sono ritrovati in un posto lontano dal centro, tra le montagne spagnole della Val D'Aran dove è vissuto l'artista. Lui con un filo di voce spiega:

Sono qui per parlare della vita, non della morte. Non vorrei andarmene, perché ho ancora molte cose da fare, ma questo è quello che ho, questo è quello che mi rimane. Quello che mi interessa è la vita. Uccide più la paura della morte. La paura blocca, è terribile. Il cancro è spaventoso, ma non ho paura. La morte è qualcosa che ti accompagna. La morte è qualcosa che è parte della vita. Mi preoccupa non soffrire.

Le parole di Jordi Évole

Al Festival di Malaga, applausi e tanta commozione per il documentario. Il regista e giornalista Jordi Évole ha spiegato che non voleva essere qualcosa che si crogiolasse nella morte e nella malattia, ha detto "non volevamo che fosse lagnoso e lacrimoso" e così è stato. Il documentario è un vero e proprio canto alla vita. Il giornalista racconta:

Ho pianto tanto quando mi ha spiegato che se ne stava andando. È stato positivo incontrarci su quelle montagne perché abbiamo lasciato andare via tutta quella tensione emotiva. Avevamo già pianto abbastanza rispetto alla notizia che stava per andare via. Abbiamo fatto un bel lavoro, lui era felicissimo.