X Factor 2022
21 Ottobre 2022
17:15

Le pagelle delle Last Call di X Factor 2022: Dargen tentenna ma viene sorpreso da Matteo Orsi

Alle porte dei Live di X Factor 16, ecco le pagelle delle Last Call, in cui tutti i giudici hanno scelto la propria squadra da tre concorrenti.
A cura di Vincenzo Nasto
X Factor 16, foto di xfactor.sky.it
X Factor 16, foto di xfactor.sky.it
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
X Factor 2022

E dopo dei Bootcamp che sembravano aver già definito un favorito su tutti, le Last Call di X Factor 16 sembrano aver dimezzato quello svantaggio: su tutti, Dargen D'Amico sembra quello con più certezze rispetto alla scorsa settimana, anche se il suo percorso nella puntata ha avuto non pochi tentennamenti. Basta osservare l'indecisione avuta sulla scelta tra Beatrice Maria Visconti e Martina Baldaccini, risolta con un esercizio di canto a cappella, dove è stata preferita la prima. A chiudere il team, con il vantaggio della consapevolezza dei live già dalla scorsa settimana, i Disco Club Paradiso. Ma com'è andata la puntata delle Last Call.

Ambra Angiolini voto 6: È la prima a partire e la sua scelta, quasi democristiana, in Matteo Siffredi, Tropea e Lucrezia Fioritti, sembra fotografare una competizione a cui lei non sembra voler partecipare. Viene salvata dall'esibizione strappalacrime di Matteo Siffredi con "Lovely" di Billie Eilish. I Tropea potrebbero essere la sua scommessa, ma per adesso parte dietro gli altri capitani.

Matteo Siffredi voto 7: Dopo un BootCamp da dimenticare, emoziona il pubblico ma soprattutto Ambra con la sua "Lovely" di Billie Eilish. Capire dove finisce la musica e comincia l'empatia per la sua emotività ci aiuterà a capire il suo destino nella competizione.

Tropea senza voto: Già qualificati ai live la scorsa settimana.

Lucrezia Fioritti voto 7: Cantare "Fiore mio" di Andrea Laszlo De Simone è una scommessa vinta, anche per l'immaginario che riesce a far intravedere attraverso la sua voce. È in mezzo al fuoco ideale: un gioco al ribasso tra Siffredi e Tropea, in cui la sua voce potrebbe distinguersi rispetto agli altri.

Dargen D'Amico voto 8: Un'altalena di emozioni: prima tentenna e poi si emoziona per Matteo Orsi che porta "En e Xanax" di Samuele Bersani sul palco. La scelta tra Beatrice Maria Visconti e Martina Baldaccini, avvenuta tramite una prova a cappella, fa sorridere il pubblico ma anche gli altri giudici, diventati elementi ausiliari nella decisione.

Beatrice Maria Visconti voto 5,5: È tra gli episodi più piatti della serata la sua esibizione con "Il cielo" di Renato Zero. Non è una grande scelta, che influisce sugli aspetti negativi del suo canto, pieno di imprecisioni. Nonostante questo Dargen punta su di lei.

Matteo Orsi: voto 8,5: Sarà per la scelta di un brano storico come "En e Xanax" di Samuele Bersani, sarà per la sua interpretazione, netta, sofferente sul palco. È l'MVP della serata, anche se la natura emotiva della sua esibizione potrebbe risultare esagerata.

Disco Club Paradiso senza voto: Come sopra per Tropea.

Rkomi voto 6,5: All'esordio, tra i più timidi giudici della storia di X Factor, ha ingannato tutti: per chi pensava che quella di Rkomi fosse una squadra cuscinetto, sbaglia. Porta nel suo team I Santi Francesi e Jacopo Rossetto, due dei player più quotati per la vittoria finale: Turcato viaggia ancora nel limbo con "People Help the People".

I Santi francesi voto 7,5: Bravi, bravi, bravi, ma anche un po' furbi: la scelta di "Che fantastica storia è la vita" di Venditti è ancora quella giusta per il pubblico, soprattutto se interpretata in un modello canto che ruba l'occhio in un talent come X Factor.

Jacopo Rossetto voto 7: Un canto malinconico, un fenomeno emotivo: Rossetto è ciò che il pop italiano ha cercato e trovato per tanti anni all'interno dei talent show musicali. La sua "In alto mare" di Loredana Bertè risorge in una nuova veste, magari non originalissima, ma pronta all'azione: ovvero al pubblico.

Giorgia Turcato voto 6,5: La sua "People Help the People" è il rischio, il salto nel vuoto per prendersi l'ultima posizione al live. La avvantaggia una voce riconoscibile, una presenza scenica diventato il tratto identificato della squadra di Rkomi. Tra i tre concorrenti della squadra di Rkomi mantiene ancora il titolo di underdog.

Fedez voto 8: Sa cosa fare, sa cos'è un talent, sa cos'è la televisione e conosce l'industria discografica come le sue tasche: la scelta di Linda Riverditi e de Gli Omini pagherà a lungo termine, mentre la decisione sorprendente di Gaia Eleonora Cipollaro, il vero nome di Dadà, potrebbe essere la scintilla per il pubblico.

Gaia Eleonora Cipollaro voto 7: Porta un mash up tra "Funicolì/Funicolà" e "Mas que nada" dei Black Eyed Peas: la chiave elettronica che fotografa il presente e il passato, la sua terra e quelle che ha incontrato grazie alla musica, risulta un esperimento originale, se riuscirà a trovare una continuità.

Gli Omini senza voto: Come sopra per Disco Club Paradiso.

Linda Rivertiti voto 7,5: Si può parlare di Linda Rivertiti dopo il chiaro impatto con la cover di "Coraline" dei Maneskin? Effettivamente no, e ce lo dimostrano ancora una volta con una cover di Bon Iver: "Skinny Love". Se X Factor 16 dovesse finire domani, molto probabilmente la più pronta a un accesso diretto nel mercato discografico, o forse social?

Roster Ambra

Matteo Siffredi
Tropea
Lucrezia Fioritti

Roster Dargen D'Amico

Beatrice Maria Visconti
Matteo Orsi
Disco Club Paradiso

Roster Rkomi

I Santi Francesi
Giorgia Turcato
Jacopo Rossetto

Roster Fedez

Gli Omini
Gaia Eleonora Cipollaro
Linda Riverditi

34 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni