Il 6 novembre sarà il giorno di "Accetto Miracoli: l’esperienza degli altri", il primo album di cover prodotto da Tiziano Ferro. Ad accompagnarlo anche il documentario "Ferro", prodotto e distribuito da Amazon Prime. Ma c'è un problema. Il cantante romano, che vive a Los Angeles ormai da anni, sta lottando contro la burocrazia americana per essere in Italia quel giorno, così da vivere la nascita del disco. Un album annunciato ad inizio settembre su Instagram, con la pubblicazione del primo singolo: "Rimmel" di Francesco De Gregori.

Il nuovo album

Il 6 novembre esce il secondo capitolo di 𝐀𝐂𝐂𝐄𝐓𝐓𝐎 𝐌𝐈𝐑𝐀𝐂𝐎𝐋𝐈:𝙇´𝙚𝙨𝙥𝙚𝙧𝙞𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙜𝙡𝙞 𝙖𝙡𝙩𝙧𝙞. Il mio primo disco di cover. Il desiderio di ogni artista, ogni sognatore diventato cantante. Alcuni dei miracoli che – durante la mia vita – hanno preso forma di canzone. Prima tra tutte 𝘙𝘐𝘔𝘔𝘌𝘓 dell’immenso 𝘍𝘳𝘢𝘯𝘤𝘦𝘴𝘤𝘰 𝘋𝘦 𝘎𝘳𝘦𝘨𝘰𝘳𝘪. Dal 3 settembre, singolo fuori ovunque. La canterò dal vivo per voi qui: • 2 sᴇᴛᴛᴇᴍʙʀᴇ: @rai1official 𝐌𝐮𝐬𝐢𝐜 𝐀𝐰𝐚𝐫𝐝𝐬 con gli amici @carloconti.tv e @vanessa_incontrada @radioitalia live su www.raiplay.it • 9 sᴇᴛᴛᴇᴍʙʀᴇ: #rtl1025 🅟🅞🅦🅔🅡 🅗🅘🅣🅢 🅔🅢🅣🅐🅣🅔 live on www.rtl.it 𝐀𝐂𝐂𝐄𝐓𝐓𝐎 𝐌𝐈𝐑𝐀𝐂𝐎𝐋𝐈: 𝙇´𝙚𝙨𝙥𝙚𝙧𝙞𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙜𝙡𝙞 𝙖𝙡𝙩𝙧𝙞. 1 – RIMMEL 2 – MORIRÓ D’AMORE 3 – BELLA D’ESTATE 4 – MARGHERITA 5 – E TI VENGO A CERCARE 6 – ALMENO TU NELL’UNIVERSO 7 – CIGARETTES & COFFEE 8 – PERDERE L’AMORE ᴄᴏɴ 𝘔𝘢𝘴𝘴𝘪𝘮𝘰 𝘙𝘢𝘯𝘪𝘦𝘳𝘪 9 – PIOVE ғᴇᴀᴛ. @boxofbeats 10- PORTAMI A BALLARE 11- NEL BLU DIPINTO DI BLU 12- ANCORA, ANCORA, ANCORA 13- NON ESCLUDO IL RITORNO 11/6 new album 𝐀𝐂𝐂𝐄𝐓𝐓𝐎 𝐌𝐈𝐑𝐀𝐂𝐎𝐋𝐈: 𝙇´𝙚𝙨𝙥𝙚𝙧𝙞𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙙𝙚𝙜𝙡𝙞 𝙖𝙡𝙩𝙧𝙞 – my first cover album. And 9/3 𝐑𝐢𝐦𝐦𝐞𝐥, first single out everywhere. El 6 de noviembre sale mi primer disco de versiones. Probablemente el deseo más grande de cada soñador que se ha vuelto artista. Empezamos el 3/9 con 𝐑𝐈𝐌𝐌𝐄𝐋, el primer sencillo . #lesperienzadeglialtri #rimmel #equalcosarimane

A post shared by Tiziano Ferro (@tizianoferro) on

Come ha dichiarato nell'intervista al Corriere della Sera, Ferro aveva da anni in mente di pubblicare un album di "cover", un pensiero nato nel 2012 su richiesta di Renato Zero: "Lo avevo pensato per un disco in cui avrei interpretato canzoni inedite scritte da altri. L’idea risale al 2012. Al concerto benefico per il terremoto in Emilia che si fece a Campovolo, Renato Zero mi disse: ‘Vorrei sentirti cantare cose di altri'. Non se n’è mai fatto nulla perché sono arrivati pezzi deboli e chi me ne ha mandati di buoni li ha girati ad altri". Alcune cover sono state svelate già durante l'ultimo festival di Sanremo, dove Ferro aveva cantato "Nel blu dipinto di blu" di Domenico Modugno, "Almeno tu nell’universo" di Mia Martini, "Perdere l’amore" di Massimo Ranieri e "Portami a ballare" di Luca Barbarossa. Una sfida per il cantante romano che si è cimentato anche nella riedizione di "Ancora ancora ancora" di Mina: "Mi sono dato una regola: vietato barare. Nel caso di voci femminili ho abbassato di qualche tono, ma ho mantenuto il grado di difficoltà. Se cantavano al massimo dell’estensione femminile, io l’ho fatto al maschile. Per Giuni Russo ho studiato tre settimane la tecnica corretta".

Cocciante e la nonna Margherita

Il brano "Margherita" di Riccardo Cocciante ha un posto particolare nel cuore di Ferro: "È il primo concerto che vidi, avevo 3-4 anni, era di Cocciante. Fu uno choc: le luci, il volume che non sopportavo, ma mi ipnotizzò. E poi mia nonna si chiamava Margherita. Cantavo ancora di nascosto dai miei in un coro gospel e gliela dedicai a un matrimonio di parenti: ricordo gli sguardi giudicanti".

I social, una nuova avventura

Dalla musica ai social, un tasto dolente in passato per l'artista, che solo ultimamente ha deciso di condividere sul web alcuni momenti della propria vita: "Ci costringono ad avere un’opinione su tutto, anche se questo pezzettino di carta. Dovrebbero essere la scuole e i libri, ma anche i cartoni animati come accadeva a noi, a dare lo stimolo. E poi c’è la questione haters. Per loro tolleranza zero: li blocco subito. E poi faccio un esercizio meraviglioso. Invece che dedicare loro del tempo lo dedico a chi mi ama. Sembra uno slogan, ma funziona. Il cambio principale è avvenuto su di me".

BLM in Italia e negli Stati Uniti

Infine il cantante ha voluto esprimere la propria opinione sul momento storico che, sia gli Stati Uniti sia l'Italia, stanno affrontando nella lotta al razzismo. Ferro è convinto che Trump trionferà ancora nella prossima elezione che lo vede confrontarsi con Joe Biden: "Bisogna pensare ai deep State che vivono di mentalità retrograda nei confronti di nazionalismo, razzismo, donne, parità di diritti. Questi linguaggi da bullo di Trump attirano fan fedeli. Credo che ormai sia necessario creare un movimento Black Lives Matter in Italia. Anche qui sono disponibile a dare un aiuto, a cercare contatti".