Le condizioni di Lele Spedicato restano stazionarie, come si legge nell'ultimo bollettino medico rilasciato dal reparto di Rianimazione dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce dove il chitarrista dei Negramaro è ricoverato a causa di un'emorragia cerebrale che lo ha colpito lunedì scorso, lasciandolo privo di sensi nei pressi della piscina della sua casa in Salento dove sarebbe stato trovato dalla moglie che avrebbe chiamato i sanitari per il ricovero immediato in Ospedale.. I medici parlano di situazione stazionaria, di una prognosi che continua a restare riservata e di un monitoraggio completo dei parametri vitali. Per adesso, continuano i medici, è difficile stabilire quali saranno gli sviluppi del quadro neurologico per cui bisognerà aspettare ancora qualche giorno e per questo motivo l'ospedale rimanderà ulteriori comunicazioni.

Il bollettino completo

Questo è il bollettino completo diramato dall'ospedale: "Le condizioni di salute del paziente Emanuele Spedicato sono stazionarie. I sanitari del reparto di Rianimazione dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce continuano nel monitoraggio dei parametri vitali del paziente e dell’evoluzione della grave patologia che lo ha colpito. La prognosi è tuttora riservata. Saranno necessari diversi giorni per poter valutare gli sviluppi del quadro clinico neurologico, per cui i sanitari ritengono opportuno rimandare ad un momento successivo ogni ulteriore comunicazione".

Le parole dei componenti della band

Insomma, per avere qualche notizia definitiva, che vada oltre i semplici termini gergali e riesca a definire meglio la situazione bisognerà aspettare ancora qualche giorno, anche se i membri della band stanno cominciando, pian piano, a tornare a scrivere al loro amico, come avvenuto nei giorni scorsi quando sia Andro che Giuliano Sangiorgi che hanno voluto indirizzare un pensiero a Lele, con quest'ultimo che ha scritto: "Resta qui con me, fratello mio!".