Laura Pausini e Biagio Antonacci hanno annunciato un tour in coppia che si terrà nel 2019 toccando dieci città e altrettanti stadi. Un progetto grande, per due degli artisti più amati del paese di una vera e propria star, come Antonacci definisce la Pausini, unica star italiana nel mondo e fresca reduce da un tour mondiale e il quarto latin Grammy della sua carriera. I due, che si conoscono da venticinque anni e la cui amicizia è contemporaneamente cresciuta hanno anche collaborato nel tempo, con il cantante che ha scritto alcune canzoni per l'amica, compreso l'ultimo singolo “Il coraggio di andare”, brano scritto da Tony Maiello (testo firmato a quattro mani con la stessa Pausini, musica di Maiello, Salvati, Palmosi, Rettani), già in radio e disponibile in digitale, che sarà contenuto in “Fatti sentire ancora”(Atlantic/Warner Music), la special edition di Laura Pausini in uscita venerdì 7 dicembre.

La nascita di un'amicizia

"Io l'ho conosciuto perché era famoso, avevo il suo poster in camera, quando cantava ‘Fiore' andavo fuori di testa, poi quando sono andata a Sanremo lui era nei Big e mi ha scritto un telegramma la sera prima della finale dicendomi che gli piacevo e che sperava che vincessi io. Quindi per me, in un certo senso l'ho conosciuto lì, perché quando uno ti fa un complimento del genere ed è uno dei tuoi cantanti di riferimento…" ha detto la Pausini presentando questo nuovo progetto, subito incalzata dall'amico che invece ricorda di averla conosciuta un po' prima: "Io l'avevo già vista prima del 1993 perché con il suo babbo faceva il pianobar in un locale di Bologna e c'era questa ragazza con questa voce incredibile che cantava e quando l'ho vista a Sanremo ho collegato la cosa, poi sono arrivate le canzoni, e in seguito è nata l'amicizia durante le canzoni che ho scritto per lei".

Un lungo corteggiamento

Sono anni, spiega Antonacci, che "la corteggia" per andare in tour assieme "perché abbiamo cose da raccontare, non è un tour che nasce da una motivazione", insomma, nessun progetto discografico in vista (forse dopo, chissà): "Non ci vediamo quasi mai, quindi questa è un'occasione per me di cantare tutte le sue canzoni e nello stesso tempo poter passare tempo assieme. Sono felicissimo du affrontare questo episodio della mia vita stando vicino all'unica star che abbiamo in Italia e per me è ancora più bello e sono orgoglioso che abbia accettato di fare questo percorso con me" spiega Antonacci.

La commozione di Laura Pausini

Assieme al repack di "Fatti sentire" ci sarà anche un "un libro-magazine a cui Laura lavora da settembre 2017″ spiega la nota stampa ed è la stessa cantante a spiegare come nasce questa idea: "Ho cominciato a scrivere perché avevo in testa di voler raccontare quello che succedeva mentre scrivevo il disco, mentre lo registravo, mentre iniziava la tournée, tutto quello che mi succedeva attorno, ci sono delle cose anche molto personali e si conclude con un poster su cui ci siamo io e Biagio. In questo momento della mia vita – che ho raccolto in questo disco e in questo libro – doveva racchiudersi con quello che è il tema principale di questo momento della mia vita, ovvero trovare il coraggio di credere in noi, che è strano che lo dica io visto che sono una persona fortunata e nella mia carriera ho successo, però io spesso sento di dovermi dire che devo ricominciare, sempre ricominciare". "Questo è un grande esempio, è la nostra unica star e nonostante tutto si mette in discussione ogni volta però non ha paura di prendere le stringhe delle scarpe ogni volta che comincia un'avventura" chiude Antonacci facendo commuovere la Pausini.