15 Dicembre 2015
22:18

La provocazione di Amanda Lear: “Mi candido alle Presidenziali Francesi del 2017”

L’ex regina della Disco annuncia la sua candidatura alle Elezioni Presidenziali in Francia del 2017 ma è solo parte di un battage pubblicitario del suo nuovo spettacolo teatrale, “La Candidate”.
A cura di G.D.

"Vive la libertè, vive la Republique, vive la France". Amanda Lear ne ha combinata un'altra delle sue annunciando ufficialmente la sua candidatura alle Elezioni Presidenziali 2017. Un discorso ufficializzato da uno scranno in uno studio televisivo, la bandiera dell'Europa e della Francia alle sue spalle ed un messaggio diretto e conciso, che fa dritto al punto: "Voglio fare qualcosa per il mio Paese". Lo aveva fatto già sapere, qualcuno credeva ad un altro dei suoi scherzi ma a quanto sembra la performer, di recente su Fanpage con "Mai più", pezzo in collaborazione con Gianluca De Rubertis, ha tutta l'intenzione di fare sul serio.

Voglio servire la Francia per portare nuova linfa nel panorama politico francese. Sono determinata e seriamente preoccupata per i problemi del nostro paese.

Quella che sembra una provocazione in realtà parte di un battage pubblicitario del suo nuovo spettacolo teatrale "La Candidate", in tournée in tutta la Francia. La première è prevista per il 10 gennaio a Enghien-les-Bains, altre date sono previste anche a Parigi, al Théâtre de la Michodière. Le porte dell'Eliseo per Amanda Lear sono aperte solo sulla finzione scenica.

Amanda Lear: "Non sono nata uomo e sono stata con Dalì, basta palle che si raccontano dalla D'Urso"
Amanda Lear: "Non sono nata uomo e sono stata con Dalì, basta palle che si raccontano dalla D'Urso"
"Mignottona ucraniana", Amanda Lear chiede scusa: "Battuta impulsiva, non volevo offendere"
"Mignottona ucraniana", Amanda Lear chiede scusa: "Battuta impulsiva, non volevo offendere"
Amanda Lear: "Tomorrow? È la canzone più brutta che ho scritto"
Amanda Lear: "Tomorrow? È la canzone più brutta che ho scritto"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni