22 Febbraio 2014
11:35

La Gialappa’s si difende: “In 30 anni mai una battuta razzista”

Lo storico trio corre ai ripari sulla pagina Facebook ufficiale, letteralmente presa d’assalto dai fan inferociti, e si giustifica così: “In 30 anni mai fatta una battuta razzista”.
A cura di G.D.

Dopo la battuta in diretta durante l'esibizione di Rocco Hunt, la Gialappa's Band è costretta a scusarsi e difendersi sulla pagina Facebook ufficiale, letteralmente presa d'assalto dai fan inferociti per quelle due leggerezze commesse. La prima, quando il rapper salernitano incita il pubblico con il classico "Su le mani!", la replica del trio è stata: "Si, così passa il tuo compare a ciulare i portafogli", mentre la seconda, forse ancor più dura, quando minimizzano con un "La Terra dei Fuochi, ma che ce ne fotte".

"In 30 anni mai nessuna battuta razzista", si giustifica così lo storico trio composto da Taranto, Gherarducci e Santin, in un lungo post su Facebook che non ha sedato le proteste dei fan.

"Mai dire Gf" non si farà, brutta tegola per la Gialappa's
Justin Bieber si scusa per una battuta razzista:
Justin Bieber si scusa per una battuta razzista: "Un errore di gioventù"
"Ridateci Mai dire Gf", il web è dalla parte della Gialappa's Band
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni