822 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

L’amianto di “Crotone”, il nuovo video de Il Parto delle Nuvole Pesanti feat. Fabrizio Moro

In esclusiva su fanpage.it ecco “Crotone”, il nuovo video de “Il Parto delle Nuvole Pesanti” con la partecipazione di Fabrizio Moro.
822 CONDIVISIONI
Immagine

Dopo il successo di Onda Calabra, colonna sonora del film Qualunquemente di Antonio Albanese, con una nomination al David di Donatello, torna Il Parto delle Nuvole Pesanti con un nuovo video, in esclusiva su fanpage.it, "Crotone". Il brano, contenuto nell'album Che Aria Tira, uscito il 26 marzo per Ala Bianca/Warner, vede la partecipazione di Fabrizio Moro e, in un divertissement alla Capossela, attacca duramente le fabbriche e i suoi veleni. "

C'è un sacco di veleno / infiltrato nel terreno / dove sorgono le scuole e i bambini stanno al sole /i bambini sull'amianto e le madri con il pianto / i bambini innocenti vittime dei prepotenti. /Che peccato, che peccato / che abbia solo scaricato / tonnellate, tonnellate di veleni in mezzo al prato / la bonifica che aspetta e la gente che si infetta / che si prende un bel tumore e a vent'anni già si muore

Si scrive "Crotone"ma si può leggere tranquillamente anche "Taranto", "Bagnoli", "Gela", "Praia a Mare". Salvatore De Siena, Amerigo Sirianni e Mimmo Crudo, con la storica collaborazione di Antonio Rimedio e Manuel Franco, hanno realizzato un album che segna un'ulteriore evoluzione musicale per la band calabro-emiliana, tra solchi acustici, incursioni rock e suoni elettronici, mischiando il tamburello e il mandolino alla chitarra elettrica e ai computer. Dopo oltre 200 concerti in tutta Italia, in Europa ed in America, il tour prosegue con le date estive, sempre in aggiornamento sulla pagina ufficiale Facebook e sul sito ufficiale della band. Di seguito le date confermate:

14.06 Riccia (CB) – Festa in piazza
22.06 Pavia – Festival Africando
03.08 Contursi Terme (SA) – Broken Stone Festival

822 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views