video suggerito
video suggerito

Kekko dei Modà: “La depressione mi ha paralizzato, pensavo gli psicofarmaci si dessero solo ai pazzi”

I Modà portano al Festival di Sanremo 2023 il brano Lasciami, che racconta il rapporto di Kekko Silvestre con la depressione che lo ha immobilizzato a letto, come ha spiegato a Fanpage.it: “Non riuscivo a piegare le ginocchia, mi sono spaventato. Ho dovuto vincere lo stigma degli psicofarmaci perché pensavo si dessero solo ai pazzi”.
A cura di Francesco Raiola
1.126 CONDIVISIONI
Moda a Sanremo 2023
Moda a Sanremo 2023

A un primo ascolto, "Lasciami", la canzone che i Modà porteranno al Festival di Sanremo può sembrare la solita canzone d'amore, due persone arrivate alla fine di un percorso con una delle due che lancia un grido disperato. Ma questa è solo la lettura superficiale di un brano che, invece, racconta il rapporto di Francesco Silvestre, detto Kekko, con la depressione che lo ha colto qualche anno fa e che lo ha immobilizzato a letto. Anni di successi, passaggi radio, dischi di platino e diamante, stadi pieni, ma anche di paure e attacchi di panico e un mondo che a causa di queste paure si faceva sempre più piccolo, fino a ridursi al letto su cui il cantante è stato sdraiato per una decina di giorni, immobile, senza riuscire a muovere gli arti. A quel punto la diagnosi di depressione ha dato un nome a quella situazione, permettendo al cantante di affrontarla, farla diventare una canzone e portarla sul palco più importante d'Italia.

Come te lo stai immaginando questo ritorno al Festival?

Intanto non partiamo da favoriti e questa è una cosa che mi fa molto piacere perché me la fa vivere in maniera più leggera. Arriviamo a Sanremo a 10 anni di distanza dall'ultima volta e con una testa diversa: quando sei lì da giovane pensavi più alla gara, oggi il Festival è cambiato tanto, non è importante solo la classifica, ma il posizionamento ed è quello che ci manca.

In che senso?

È molto tempo che la nostra esposizione mediatica si è ridotta molto a livello radiofonico e televisivo, e chi non segue tanto i social fa più fatica a stare dietro ai progetti dei Modà. Ci sono tante mamme, per esempio, che mi fermano chiedendomi perché non canto più. Credo che Sanremo in questo momento sia un modo per dire a tutti: guardate che ci siamo ancora, per questo ci torniamo con la testa più leggera e consapevoli che stiamo cantando una canzone dei Modà, non stiamo stravolgendo nulla.

Come hai vissuto il cambiamento di cui mi parlavi?

Il cambiamento l'ho vissuto come l'avrebbe vissuto chiunque: ti ritrovi da un giorno all'altro a non essere più su nessuna radio e un po' ti dispiace perché sai perfettamente che non è per la qualità delle canzoni, ma per scelte editoriali e questa cosa ti mortifica. Sfido qualunque artista a uscire con tre dischi senza avere neanche un passaggio radiofonico. Non è facile, eppure noi siamo riusciti a fare il nostro platino, il tour nei palazzetti, quindi dall'altra parte questa cosa mi ha dato grande soddisfazione.

Modà (photo by Doublevision.film)
Modà (photo by Doublevision.film)

In che modo Sanremo può invertire questa tendenza?

Può cambiare perché riusciremmo ad arrivare alle persone che non usano i social. Ai nostri concerti ci sono i ragazzini, ma anche le nonne, i nonni, i papà e le mamme e quindi magari quella fascia d'età l'abbiamo un po' persa perché è quella che ascolta un po' più la radio, sono meno su internet e penso che il Festival possa aiutarci in questo, ricordando a queste persone che ci siamo ancora, a seguirci di più e a recuperare quello che hanno perso.

Come mai a un certo punto non vi hanno passato più in radio?

Credo che sia stata una scelta editoriale, sai, noi arrivavamo da un'etichetta fatta da tre radio, che avevano interessi editoriali da quel punto di vista. Quando il contratto è scaduto siamo andati da altre parti e non lo abbiamo rinnovato, questi passaggi radio sono scemati e pian piano siamo stati penalizzati. Certo, è una cosa che ti lascia l'amaro in bocca, ma allo stesso tempo sei consapevole di aver fatto una sorta di percorso inverso, perché è vero che non ce l'hai più quella visibilità, ma sai anche che quello che ti è stato dato è stato veramente tanto. Noi non arrivavamo da un percorso per cui sei in una casa discografica, una multinazionale che ti manda in radio, e poi quando cambia etichetta il rapporto con le radio rimane lo stesso, ma arrivavamo proprio da una casa discografica fatta alle radio, e quindi quando è finita questa relazione ci è rimasto l'amaro in bocca. Come ti dicevo, però, dall'altra parte sei consapevole del fatto che ti ha dato talmente tanto che tutto quello che è arrivato anche dopo, come il disco di platino o i palazzetti pieni, è merito anche del lavoro che è stato fatto da quelle persone. Quindi se da una parte ti arrabbi, dall'altra parte non puoi che ringraziare. Poi è chiaro che dispiace, perché dopo tanti anni di gavetta essere considerati zero è brutto.

A Sanremo torni con Lasciami, una canzone che parla della tua depressione, un grido di dolore in cui ti sei messo in gioco. Quando hai pensato fosse arrivato il tempo di scriverla questa canzone?

Quando ho smesso di vergognarmene, di vergognarmi di parlarne, probabilmente era a maggio, dopo la tournée. Non ne avevo mai parlato con le tv, le radio, i giornalisti, perché non mi è mai piaciuto parlare dei miei problemi, c'è tanta gente con problemi più grandi dei miei. Eppure mi rendevo sempre più conto che questa malattia, perché di malattia si tratta, è diffusissima e se ne parla ancora troppo poco, è vero che è il male del secolo. Quindi mi sono aperto ai concerti e dopo che l'ho fatto con i miei fan, parlando con loro, mi sono reso conto di quanto bisogno c'era di parlarne in maniera più diffusa. È stato a quel punto che ho iniziato a scrivere "Lasciami", che è una canzone sincera, in cui facevo i conti con me stesso. Ho cominciato a parlare alla depressione come se fosse una donna e come tutte le donne porta aspetti positivi nella tua vita ma può anche farti incazzare di brutto. Però poi alla fine, quando impari a conviverci con questa persona, hai bisogno di tutte e due le cose. E io infatti dico "Lasciami, ma fallo in silenzio, fai in modo che non me ne accorga" perché mi sta insegnando talmente tante cose.

Immagine

Tipo?

A guardare la vita con dei punti di vista diversi e guardare tanti bicchieri mezzi pieni rispetto a quelli mezzi vuoti, quasi con la paura che se ne vada. Perché la depressione non è un'entità esterna che ti arriva addosso come un virus, ma è dentro di te, solo che io l'ho sempre evitata, repressa, per questo poi a me ha preso le gambe e preso il fisico, i muscoli.

Ne hai preso coscienza quando ti ha colpito fisicamente, ma ripensandoci in che modo la sentivi precedentemente?

C'erano avvisaglie che reprimevo, avevo attacchi di panico ma dicevo: "Vabbè, vai avanti, fregatene". Sai, cominci a pensare che se una cosa ti dà fastidio basta non farla e alla fine pensi di aver bisogno solo dell'amico e del ristorante, entri in una sorta di comfort zone che non fa bene, perché là dentro non si guarisce, si rimane in trincea finché ce n'è bisogno, eppure c'è bisogno di affrontarla questa vita. La depressione arriva dalla paura e devi affrontarla, perché stando sul divano non guarisci, affrontandola, invece, ti rendi conto che oltre alle paure ci sono le cose belle, che sogni, che per quanto ti posano far paura sai che affrontandole puoi arrivare a un risultato.

Cosa ti è successo fisicamente?

Quando mi sono ritrovato fermo a letto, con le gambe che non mi si piegavano, mi chiedevo cosa stesse succedendo e Laura, mia moglie, mi diceva che poteva essere l'influenza, poi dopo 10 giorni abbiamo deciso di chiamare un medico. Non so come spiegarla questa cosa: tentavo di piegare le ginocchia, ma avevo una sensibilità che mi impediva di farlo e poi non mi reggevano, mi sentivo stanco al punto che non riuscivo a caminare e a quel punto mi sono spaventato. Abbiamo chiamato un neurologo, ero disperato, piangevo a letto, finché mi ha detto che c'erano una notizia buona e una cattiva: la buona è che non era niente di neurologico, la cattiva che quello che avevo era depressione. A quel punto ho cominciato a curarmi e sono contento di averlo fatto.

Qual è stata la cosa più difficile da accettare?

Senza dubbio i farmaci, perché pensavo che gli psicofarmaci si dessero ai pazzi, ma ovviamente non è così. Così piano piano questa cosa l'ho accettata e devo ringraziare chi mi è stato vicino, perché non è stato facile, i primi mesi neanche volevo raccontarlo, non dicevo niente a nessuno, mentre adesso lo racconto tranquillamente e non avrei problemi a prendere farmaci per tutta la vita perché meglio curarsi e passare il resto della vita che ti manca con questo spirito piuttosto che stare a letto e non muoversi.

E questa bomba che è Sanremo in che modo l'affronterai?

Non ne ho idea, ma l'affronterò, perché se sto a casa non lo saprò mai. Ovviamente mi fa paura, ma sono contento che mi faccia paura perché così tento di affrontare una cosa che mi fa paura. Ma dall'altra parte mi incuriosisce, ho voglia di mettermi in gioco, coi ragazzi, abbiamo voglia di riprovare quelle emozioni che solo il Festival sa dare. Non so se sono pronto ma ho voglia di provarci.

Hai parlato del pregiudizio verso la musica "nazional-popolare", quanto soffri il giudizio degli altri e come lo affronti?

Più che del giudizio mi fa male il pregiudizio, perché il giudizio costruttivo va bene, ma il pregiudizio – tipo che facciamo schifo a prescindere -, quello ti dispiace: penso a mia figlia che legge certe cose e chiede perché le scrivono. Io ci ho fatto il callo, non ci rimango più male come una volta, però ti tocca sempre, ma nonostante ciò devi sempre ascoltare quella parte di te che se ne fotte perché alla fine il giudizio di uno che parla in quel modo non vale nulla, è solo un modo di volerti ferire, attaccarti e sta a te vedere quanta importanza dargli. Quando parlo di musica nazional popolare o di musica vecchia – qualcuno dice che non andiamo alla radio perché siamo vecchi – dico che va bene, però se andare in radio significa non riempire neanche mezzo club o un teatro preferisco essere nazional popolare e vecchio ma riempire i palazzetti, anche perché io vivo di questa cosa qui: non sono figo, ma piaccio (ride, ndr).

1.126 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views