2 Settembre 2013
10:31

Kanye West suona per il Presidente Kazako… e 3 mln

Kanye West ha suonato – per 3 milioni – al matrimonio del figlio del Presidente kazako, senza farne grande pubblicità, ma alcune foto e video sono finiti sui social network.
A cura di Francesco Raiola

Una marea di critiche si scatenarono su Jennifer Lopez che a fine giugno fu chiamata a suonare in maniera privata per il dittatore del Turkmenistan, nazione che si fa beffe di qualunque diritto civile come denuncia anche "Human Right Watch". La cantante, dopo aver cantato "Tanti auguri" al dittatore, fu subito costretta a chiedere scusa (chissà se poi avrà dato in beneficenza il cachet).

Ad ogni modo, molte critiche, dello stesso tenore stanno cadendo in queste ore su Kanye West, reo di aver suonato per la festa privata organizzata dal Presidente del Kazakistan, per il matrimonio del figlio maggiore. Una festa alla quale, stando a quel poco che si può vedere sui social e alle cronache, non c'era molto interesse attorno all'esibizione del rapper americano, se non per farsi le foto col cantante sullo sfondo (sic).

Il nostro paese ha avuto a che fare con il presidente (o dittatore, come in molti specificano) proprio poche settimane fa per il caso Ablyazov e sul paese governato da Nursultan Nazarbayev si è scritto molto. Il paese, sempre secondo HRW, ha visto deteriorarsi notevolmente i diritti civili nel 2012.

Kanye, però, non sembra averci fatto molto caso, forse anche a causa dei 3 milioni di dollari che stando a TMZ gli sarebbero stati dati.

Ecco un pezzetto d'esibizione postata su Instagram

Kanye West papà pieno di attenzioni
Kanye West papà pieno di attenzioni
8.405 di Daniela Seclì
"Leggere è come mangiare cavoletti di Bruxelles", Kanye West ammette di non leggere libri
Kanye West si è fatto sospendere da Twitter per alcune frasi antisemite
Kanye West si è fatto sospendere da Twitter per alcune frasi antisemite
Alessandra De Stefano a lutto per Davide Rebellin:
Alessandra De Stefano a lutto per Davide Rebellin: "In Italia si muore ancora in bici"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni