Kanye West ha donato, fino ad ora, quasi due milioni di euro per la figlia di George Floyd, e le famiglie di Ahmaud Arbery e Breonna Taylor. In un momento in cui gli Stati Uniti vedono proteste in ogni Stato contro la brutale uccisione di George Floyd, morto soffocato mentre quattro agenti lo stavano arrestando, tantissimi  musicisti stanno prendendo posizione e stanno scendendo in piazza per protestare e far sentire la propria voce. Piazze reali e digitali, con milioni di potenziali ascoltatori, tanti musicisti stanno postando appelli all'uguaglianza e vicinanza a chi sta scendendo in piazza per protestare.

L'offerta di Kanye West

Kanye West è rimasto in silenzio in questi giorni, ma nei giorni scorsi ha fatto sapere tramite i suoi legali che hanno annunciato che il rapper ha preso a cuore questa situazione e ha voluto investire in un fondo per permettere alla figlia di Floyd, Gianna, di poter studiare nei prossimi anni. Il rapper è stato visto nelle strade di Chicago per marciare assieme alle migliaia di persone per strada. Oltre a Floyd, Kanye West ha fatto una donazione anche per le famiglie di Ahmaud Arbery e Breonna Taylor, morte in due incidenti separati ma anche loro disarmati. La notizia potrebbe essere una tra le tante che riguarda, appunto, gli artisti che stanno scendendo in piazza, ma la figura di Kanye West è da tempo legata a quella di Donald Trump, verso cui il rapper non ha mai nascosto simpatie, creandogli non pochi problemi tra gli addetti ai lavori e i colleghi.

Floyd ucciso mentre era in arresto

Nei giorni scorsi anche Kim Kardashian, moglie del rapper, si era offerta di pagare le spese mediche per uno dei protestanti che era stato colpito in faccia da un proiettile di gomma. La mare adi proteste negli Stati Uniti ha portato non solo all'arresto Derek Chauvin, l'agente che teneva il ginocchio sul collo di Floyd e il cui video ha fatto il giro del mondo, la cui posizione d'accusa è peggiorata negli ultimi giorni, ma anche nei confronti dei tre agenti che erano con lui.