Jesy Nelson, cantante delle Little Mix, si è raccontata in un documentario trasmesso dalla BBC. La ventottenne ha parlato di un periodo molto difficile della sua vita. Aveva raggiunto la fama grazie al successo ottenuto a X-Factor. Tuttavia, i commenti sconsiderati e inaccettabili degli hater, l'avevano portata a tentare il suicidio.

La vittoria a X-Factor e gli hater

Era il 2011 quando Jesy Nelson e le Little Mix vincevano X-Factor. Un sogno che la cantante accarezzava da anni, eppure quella sera pensò: "Questo è il giorno peggiore della mia vita". Da tempo, infatti, era ossessionata all'idea delle critiche che gli hater le rivolgevano dopo ogni singola puntata e che spaziavano dal suo look al peso. Come riporta TheGuardian, la cantante ha ricordato:

"Mi importava solo ciò che le persone dicevano sul mio conto. Quando abbiamo vinto X-Factor, il primo messaggio che lessi diceva: ‘Sei la cosa più brutta che io abbia mai visto nella mia vita. Non meriti di essere in quella band, meriti di morire‘. […] Leggendo i commenti sentivo l'ansia salire, perché non avevo mai sperimentato niente del genere. Le persone dicevano: ‘La tua faccia è deforme' e altre cose orribili. Avevo il cuore spezzato. Ricordo che in un'occasione chiamai mia madre e dissi: ‘Mamma voglio andare a casa'".

La depressione, i disturbi alimentari e il tentato suicidio

Con il passare degli anni, le cose peggiorarono. Jesy Nelson ha iniziato a lottare contro la depressione e disturbi alimentari. Gli impegni si facevano sempre più incalzanti e spesso era costretta a vedere il suo psicologo alle 6 del mattino e poi, ancora in lacrime, doveva recarsi di corsa a realizzare un servizio fotografico. A un certo punto, ha sentito di non potercela più fare. Ha cominciato a vedersi tramite le lenti dei suoi hater e a non presentarsi più agli eventi in cui poteva essere fotografata:

"La mia routine consisteva nello svegliarmi, andare su Twitter e cercare le cose peggiori che scrivevano sul mio conto. Cercavo ‘Jesy grassa' o ‘Jesy brutta' e leggevo ciò che veniva fuori. A volte era sufficiente scrivere ‘Jesy' per vedere comparire frasi orribili. Tutti mi dicevano di ignorarli ma per me era diventata un'ossessione".

Vedendola stare male, nel 2013 la madre le consigliò di lasciare le Little Mix, ma lei non ebbe il coraggio di farlo: "Tutti si sarebbero chiesti il perché e avrei attirato ancora di più l'attenzione su di me". Quello stesso anno, le Little Mix tornarono a X-Factor per presentare il loro singolo e anche in quell'occasione non mancarono le critiche feroci: "Sentivo di non potercela più fare fisicamente". Tentò il suicidio. Dopo quel gesto disperato, le offrirono di prendersi una vacanza e di staccare dagli impegni con le Little Mix, ma ancora una volta non se la sentì di farlo per paura di scatenare ancora di più la furia dei suoi detrattori.

La rinascita di Jesy Nelson

La rinascita ebbe inizio nel 2014 quando le Little Mix presero parte alle tappe del tour di Demi Lovato in Nord America. I ballerini, vedendo Jesy Nelson perennemente intenta a controllare le critiche sul suo conto, le consigliarono di cancellare il profilo Twitter. Decise di provarci: "È stato un processo lungo e arduo perché non riuscivo ad aiutarmi. Tutto è cambiato solo quando ho cancellato il mio profilo Twitter. Pian piano ho ricominciato a sentirmi normale". Ha intensificato gli incontri con il terapeuta ed è riuscita a riappropriarsi dell'immagine di se stessa, smettendola di farsi definire dagli hater e dalle loro stupide critiche cariche d'odio:

"Certo, ancora oggi ci sono giorni in cui non sto bene con me stessa ma ho imparato ad accettare quel momento di tristezza senza abbattermi. Ora sono molto più felice. Penso che le persone avranno sempre un'opinione ma a me interessa solo la mia".