2.005 CONDIVISIONI
17 Marzo 2023
11:32

Il testo e il significato di Tic Toc, la canzone di Raiz nella colonna sonora di Mare Fuori 3

Dopo Ddoje Mane, anche Tic Toc entra nella colonna sonora di Mare Fuori 3, interpretata da Raiz e a cura di Stefano Lentini. Qui testo e significato.
A cura di Vincenzo Nasto
2.005 CONDIVISIONI
Raiz nei panni di Don Salvatore Ricci
Raiz nei panni di Don Salvatore Ricci

Gennaro Della Volpe, aka Raiz, storico frontman degli Almamegretta, non è solo uno dei protagonisti della nuova stagione di Mare Fuori, la serie prodotta da Rai con record d'ascolti, nel ruolo di Don Salvatore Ricci. L'autore infatti, insieme al compositore Stefano Lentini, ha curato alcuni dei successi della colonna sonora della serie, come Tic Toc, ma anche Ddoje Mane. Il brano fotografa il passato difficile dei protagonisti della serie, tra ciò che sarebbero voluti diventare, e ciò che poi hanno vissuto attraverso l'influenza delle strade, con al centro la figura paterna. Nel frattempo, il prossimo 24 febbraio verrà pubblicato il suo nuovo album Si ll’ammore è ‘occuntrario d’’a morte, una personale raccolta di alcuni dei brani più significativi di Sergio Bruni, interpretati da Raiz. Qui il testo e il significato di Tic Toc.

Il testo di Tic Toc

Tutto può succedere
L'ho capito da quando giocavo da solo sull'asfalto sconnesso del rione dove sono cresciuto
Se una lucertola incontrava il mio sguardo, io la catturavo
E con lei facevo tutta una serie di esperimenti per vedere come avrebbe reagito
La mettevo in un barattolo al sole o al freddo del frigorifero
Oppure in una delle pozzanghere che sotto casa mia non si asciugano mai per vedere se nuotava
A volte la lucertola moriva ma se sopravviveva la lasciavo libera di andare
Mi è stato sempre chiaro che un giorno
Quella lucertola avrei potuto essere io
Tic toc, oggi il mio orologio torna dietro, seh
Tic toc, primma ca facevo o piezzo areto ‘a casa ‘e Pietro
Prima ca vedevo ‘o sanghe scorrere a ‘int'â giugulare
Quando ragazzino correvo dietro la stradale
Dimmi che cosa rimane dei sogni di quando ero bambino
Dimmi se il cuore mi batte più forte quando mi sei vicino
Dimmelo se la mia faccia è davvero cambiata
Diceno ca io songo ‘o stesso pure si aggio acciso a n'ato

Eppure il profumo di queste lenzuola
Non cancella il fumo della pistola
Tu che cade doppo ca t'aggio sparato
Guardo ‘e scarpe nove mentre me ne vaco
Sai da grande io volevo diventare
Quello che presenta il telegiornale
Chille ca sanno parlà sulo italiano
Chille ca ‘e sbirre ‘e guardano ‘a luntano

No, non è andata così
No, nun è juta accussì
No, no-no
No, non è andata così
No, nun è juta accussì
No, no-no
Tic toc, mi ricordo quando eri mio padre, sì
Tic toc, mi portavi all'Edenlandia la domenica d'estate
M'accattave ‘a graffa c"o zucchero filato
Me pulezzava ‘a vocca quanno me l'ero spurcata
Sono cresciuto in un mito, ma tu sei caduto
Un Padreterno nel fango e poi sei sparito
E l'eredità ca m'hê lassato è ‘stu peccato
Ca ‘a notte me turmenta e me fa sta scetato

Eppure il profumo di queste lenzuola
Non cancella il fumo della pistola
Tu che cade doppo ca t'aggio sparato
Guardo ‘e scarpe nove mentre me ne vaco

No, non è andata così
No, nun è juta accussì
No, no-no
No, non è andata così
No, nun è juta accussì
No, no-no
No, non è andata così
No, nun è juta accussì
No, no-no

Il significato di Tic Toc

Se Ddoje Mane ha rappresentato il racconto della detenzione, Tic Toc sembra appartenere agli anni di formazione vissuti da alcuni protagonisti della serie Mare Fuori. Il brano comincia con la metafora di una lucertola, catturata e maltrattata dal protagonista, che nell'inversione dei ruoli, rappresenta la sensazione di manipolazione vissuta dallo stesso, subendo l'influenza delle strade: "I sogni da piccolo, sai da grande io volevo diventare quello che presenta il telegiornale, chille ca sanno parlà sulo italiano, chille ca ‘e sbirre ‘e guardano ‘a luntano". Nella seconda strofa, il protagonista ricorda la figura del padre e i periodi spensierati assieme, ribaltati dal fango che è emerso: "Sono cresciuto in un mito, ma tu sei caduto, un Padreterno nel fango e poi sei sparito. E l'eredità ca m'hê lassato è ‘stu peccato, ca ‘a notte me turmenta e me fa sta scetato".

2.005 CONDIVISIONI
Il testo e il significato di Ddoje mane, il ritorno di Raiz con la colonna sonora di Mare Fuori
Il testo e il significato di Ddoje mane, il ritorno di Raiz con la colonna sonora di Mare Fuori
Testo e traduzione di 'O mar for, la canzone della serie Mare Fuori cantata da Matteo Paolillo
Testo e traduzione di 'O mar for, la canzone della serie Mare Fuori cantata da Matteo Paolillo
Testo e significato di Cicatrice, il ritorno di Clara dopo il successo di Mare Fuori 3
Testo e significato di Cicatrice, il ritorno di Clara dopo il successo di Mare Fuori 3
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni