Arisa (ph Sara Purisiol)
in foto: Arisa (ph Sara Purisiol)

"Diglielo quanto amo Napoli" ci disse Arisa, rivolta alle persone che erano con lei nella stanza, durante un'intervista al Festival di Sanremo, dove si è presentata con una canzone scritta da Gigi D'Alessio. E l'amore della cantante lucana si esprime ancora di più in "Ortica", il nuovo singolo pubblicato lo scorso 23 aprile, in cui Arisa si confronta proprio con la lingua partenopea, amatissima e neanche così lontana per lei, lucana di Pignola, provincia di Potenza. Un brano che segna l'ennesima ripartenza per la cantante che in questi mesi è stata anche impegnata in tv come professoressa e membro della commissione di canto ad Amici.

Il significato di Ortica

L'ortica del titolo è il bruciore che l'amore dà quando finisce, proprio come succede quando il corpo viene a contatto con l'ortica. Scritta dalla stessa Arisa e prodotta con il Maestro Adriano Pennino, la canzone alterna l'italiano e il napoletano nel testo, caratteristica che mantiene anche nel remix “Ortica (o’ sacc sul ij) – Jason Rooney Sensual mix”, prodotta da Jason Rooney. "Pecché m'hê ditto: ‘Amore, ti vorrò per sempre Sulo a te per sempre' e poi sei andato via? – si chiede la protagonista di questa canzone – Ma solamente adesso so che era tutta bucia e che aggia credere ch'è finito e punto come passa un mal di testa". Una canzone di dolore, insomma, che porta la protagonista a chiudersi in casa a piangere cercando di non farsi sentire da nessuno.

Perché Arisa ha scelto Ortica

A spiegare bene il perché di questo paragone con la pianta è stata la stessa Arisa, che ha spiegato: "‘Ortica' è una canzone che parla d’amore, quello vero che quando finisce brucia. Quand’ero piccola una volta sono caduta in un cespuglio di ortiche. La sensazione che ho provato è ancora viva dentro di me e si ripropone ogni volta che l’amore si rompe, ogni volta che ho paura, ogni volta che mi sento fraintesa come donna ed essere umano. L’ortica ha un odore dolce, le foglie dell’ortica hanno una forma che ricorda molto l’organo sessuale femminile, ricoperto di peli. Quando questi peli si spezzano però, emanano un odore acido e da questi fuoriesce una sostanza urticante. Un po’ come diventiamo noi quando ci accorgiamo di non essere amate abbastanza, un po’ come ci trattano quando non ci amano più".

Il testo di Ortica

Pecché m'hê ditto: "Sì"
Saglienno â casa mia?
Pecché m'hê ditto: "Amore, ti vorrò per sempre
Sulo a te per sempre"
E poi sei andato via?
Dicive: "Vita mia"
Ma solamente adesso so che era tutta bucia
E c'aggi"a crede ch'è finito e punto come passa un mal di testa
Forse stevo sulo je (Stevo sulo je)

Pure stanotte chiudo a chiave tutt"e porte
Ca nisciuno m'ha dda sentere chiagnere pe'tté
Faccia cuntenta, si cu essa passe ‘o tiеmpo
Te fa ridere o è pеsante, comm hê ditto a me?

Sorridi, nun ridere, parla e taci
Amore bello, quanto mi piaci
Se solo quando voglio, mi baci
(E pure nun vaje bbuono cchiù)
Dimmi e mi hai detto: "Torno a casa a fatica"
Penzavo fosse sulo na sfida
Trattata come fossi un'ortica
E po non t'aggio visto cchiù
‘Sto core l'hai rubato tu

E mo non so cchiù je
Vulesse sulo dorme' pe scurdarme de ‘st'addio
Me sciacquo ‘a faccia ‘nnand'ô specchio e dico: "Tutto a pposto"
Ma ‘int'ô core che tengo ‘o saccio sulo je

Pure stanotte aggio sbarrato tutt"e porte
Ca nisciuno m'ha dda sentere chiagnere pe'tté

Sorridi, non ridere, parla e taci
Amore bello, quanto mi piaci
Se solo quando voglio, mi baci
(E pure nun vaje bbuono cchiù)
Dimmi e mi hai detto: "Torno a casa a fatica"
Penzavo fosse sulo na sfida
Trattata come fosse un'ortica
E po non c'aggio visto cchiù
‘Sto core l'hai rubato tu

Dimmi e mi hai detto: "Torno a casa a fatica"
Penzavo fosse sulo na sfida
Trattata come fosse un'ortica
E po non c'aggio visto cchiù
‘Sto core l'hai rubato tu
E poi non t'aggio visto cchiù