Era stato profetico alla presentazione del brano, per la prima volto lo scorso 7 marzo, in esclusiva per Domenica In: un quadro dedicato a Mara Venier. Achille Lauro presentava allora la sua "Marilù", uno dei singoli estratti dal suo prossimo album "Lauro", definito dallo stesso artista romano "il suo ultimo disco". Nella notte il singolo è stato pubblicato su tutte le piattaforme di streaming digitale, un'uscita che rimane ancorata alle performance di Sanremo e che potrebbe essere l'ennesima rivoluzione narrativa di Achille Lauro, il racconto della nostra storia, della nostra vita, attraverso gli occhi di una donna.

Il significato di Marilù

Dopo esser stato il grande protagonista del Festival di Sanremo, grazie alle performance sul palco dell'Ariston con la presentazione dei suoi quadri musicali, Achille Lauro ha voluto regalare lo scorso 7 marzo, una performance esclusiva durante la trasmissione Domenica In, condotta da Mara Venier. Il cantante romano aveva affermato che il brano inedito regalato in esclusiva alla conduttrice "era la storia di ognuno di noi raccontata attraverso gli occhi di una ragazza": stiamo parlando di "Marilù". A poche ore dall'esibizione in televisione, Achille Lauro ha annunciato la data di pubblicazione del suo prossimo progetto musicale: "Lauro", definito dallo stesso cantante "il suo ultimo disco", in uscita il prossimo 16 aprile. Dopo il singolo "Solo noi", nelle ultime ore è stata pubblicato "Marilù" su tutte le piattaforme di streaming digitale, con Achille Lauro che ha voluto raccogliere un pensiero sulla canzone sul proprio profilo Instagram: "La storia di Marilù. Per alcuni un manifesto femminista. Per altri la storia della vita. Per me imparare cosa vuol dire crescere". Il brano affronta le fasi della crescita di una giovane donna, Marilù, attraverso gli occhi delle figure più importanti della sua vita: la famiglia. Dai consigli della madre sulla persona da avere accanto, alle prime distanze in età adolescenziale, dove Achille Lauro canta: "Bambina, sì, ma solo per un po', e ti truccavi, ma uscita di casa, tirandoti la gonna un po' più su". Dall'altro lato il rapporto con il padre, che termina il suo controllo appena la ragazza esce dalla campana di cristallo creata attorno a lei, per poi splendere nella sua libertà: "Ma in fondo hai sempre poi deciso tu per gli altri era solo un nome d'arte, e con chi giocare lo sceglievi tu". Il tema centrale rimane sempre la figura femminile e la sua libertà di poter essere ciò che vuole, di poter sbagliare e "essere lunatica", di volere "chi non merita", di essere arte e fiamme senza alcun tipo di controllo.

Il testo di Marilù

Per tua madre era un figlio di puttana
Sì, per lei dovevi avere di più
E poi cosa vuol dire essere mamma
Adesso l'hai capito anche tu
Tua nonna e il suo maglione a righe e lana
Bambina, sì, ma solo per un po'
E ti truccavi, ma uscita di casa
Tirandoti la gonna un po' più su

Ma sei così
Sì, così libera
Un sogno, l'America
Sì, ma tu sei così
Così lunatica
Che vuoi chi non merita, non merita
Ma sei così
Un'attrice comica
La bomba atomica
Sì, ma tu sei così
In fiamme sei Notre-Dame
Alla Scala l'opera
Una notte a Pigalle
Una notte a Pigalle

Per tuo padre eri piccola e impacciata
Ricordi, ti chiamava "Marilù"
Lui ti voleva sotto una campana
Ma in fondo hai sempre poi deciso tu
Per gli altri era solo un nome d'arte
E con chi giocare lo sceglievi tu
Quei giocattoli poi messi da parte
Perché il sesso poi non ti bastava più

Ma sei così
Sì, così libera
Un sogno, l'America
Sì, ma tu sei così
Così lunatica
Che vuoi chi non merita, non merita
Ma sei così
Un'attrice comica
La bomba atomica
Sì, ma tu sei così
In fiamme sei Notre-Dame
Alla Scala l'opera
Una notte a Pigalle
Una notte a Pigalle

Lunatica, luna stanotte ti guarda
Sai, ti vedo fragile, di fuoco e sabbia
Nessuno ti appoggerà l'orecchio sulla pancia
Lui era proprio come ti diceva mamma
Cos'è la vita se non imparare a vivere la vita?
Oh no, no, no se non imparare a vivere la vita?
Mia Marilù, ora che hai imparato a vivere la vita
Oh no no no, no no

Sì, così libera
Un sogno, l'America
Sì, ma tu sei così
Così lunatica
Che vuoi chi non merita, non merita
Ma sei così
Un'attrice comica
La bomba atomica
Sì, ma tu sei così
In fiamme sei Notre-Dame
Alla Scala l'opera
Una notte a Pigalle
Una notte a Pigalle