Vasco Rossi a Modena Park (LaPresse)
in foto: Vasco Rossi a Modena Park (LaPresse)

"Albachiara" è probabilmente la canzone più iconica di Vasco Rossi. Se è vero che ognuno dei fan del cantante avrà una o più canzoni a cui è legato e forse sono anche tra le pieghe di quelle meno note e conosciute, non c'è dubbio che a guardare il grande pubblico e i grandi nomi, "Albachiara" abbia un'aura particolare. Lo sanno bene i fan e lo sa bene Vasco Rossi che non a caso usa questa canzone del 1979 – e che quindi quest'anno ha compiuto 40 anni – per congedarsi dal suo pubblico, per salutarlo alla fine dei suoi concerti, veri e propri raduni rock che ormai sono una delle certezze deli live italiani. Non a caso "Respiri piano per non far rumore, ti addormenti di sera, ti risvegli con il sole" è uno degli incipit più famosi della musica italiana.

Albachiara che chiude anche "Vasco non stop live"

Solitamente pochi ma buoni, Vasco continua a cambiare le scalette dei concerti tenendo, però, fede a quella chiusura. Lo ha fatto anche in questo biennio di "Vasco non stop live" che ha occupato il biennio 2018-2019 e lo ha visto impegnato lo scorso anno negli stadi di Torino, Padova Roma, Bari e Messina e quest'anno, invece, in sei concerti allo Stadio San Siro di Milano e due a Cagliari. Un biennio che il suo regista di fiducia Pepsy Romanoff ha girato in un documentario "Vasco Non Stop Live 018+019" che andrà in onda lunedì 30 dicembre in esclusiva in prima serata su Canale 5 "per vivere l’atmosfera unica e irripetibile che si respira a ogni suo concerto, ma anche per entrare dentro il processo creativo della scaletta". Nei giorni scorsi, poi, il doppio cd e dvd "Vasco NonStop Live 2019" è anche volato in testa alle classifiche di vendita.

Come nasce Albachiara

E "Albachiara" è un tassello fondamentale di tutta quella che è la Storia artistica e la poetica di Vasco Rossi. Inclusa nel suo secondo album "Non siamo mica gli americani!", la canzone era inclusa nel 45 giri con "Fegato, fegato spappolato" – ma sarà inclusa in numerosi dischi live -, altra canzone a cui i fan storici del cantante sono legatissimi. Il brano nacque da un giro di accordi di Massimo Riva, storico chitarrista di Vasco scomparso nel 1999, e un testo buttato giù in pochissimo tempo e ispirato a una ragazzina che il cantante vedeva sempre dalla finestra di casa sua. Lo spiegò nella sua autobiografia: "Ero a casa a preparare gli esami dell’università. Era il 1979. Dalla finestra vedevo sempre una ragazzina arrivare con la corriera. Avrà avuto tredici, quattordici anni. Quando ne compì diciotto, e io praticamente non ero più perseguibile, glielo dissi: ‘Guarda che l’ho scritta per te Albachiara'. Lei non ci voleva credere e fu così che mi venne Una canzone per te…”.

Il testo di Albachiara

Respiri piano per non far rumore
Ti addormenti di sera
Ti risvegli con il sole
Sei chiara come un'alba
Sei fresca come l'aria
Diventi rossa se qualcuno ti guarda
E sei fantastica quando sei assorta
Nei tuoi problemi
Nei tuoi pensieri
Ti vesti svogliatamente
Non metti mai niente
Che possa attirare attenzione
Un particolare
Solo per farti guardare

Respiri piano per non far rumore
Ti addormenti di sera
Ti risvegli con il sole
Sei chiara come un'alba
Sei fresca come l'aria
Diventi rossa se qualcuno ti guarda
E sei fantastica quando sei assorta
Nei tuoi problemi
Nei tuoi pensieri
Ti vesti svogliatamente
Non metti mai niente
Che possa attirare attenzione
Un particolare
Solo per farti guardare

E con la faccia pulita
Cammini per strada…