Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio del 2015 Pino Daniele morì a causa di un infarto. Ci lasciò uno dei più grandi interpreti della musica italiana, un artista in grado di innovare ancora di più quella tradizione che univa la musica partenopea all'America nera, universalizzando il linguaggio musicale, pur mantenendo all'inizio della carriera la lingua napoletana. Sulla scia di una neapolitan wave che lui stesso cavalcò, grazie al sostegno di artisti come James Senese e i Napoli Centrale, Pino Daniele sfornò, tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80 album che sono considerati veri e propri capolavori.

40 anni di "Nero a metà"

In questo 2020, ad esempio, compie 40 anni l'album "Nero a metà", terzo lavoro dell'artista partenopeo, dopo i successi di "Terra mia" e dell'omonimo "Pino Daniele", arriva, se mai ce ne fosse bisogno, l'album della consacrazione e della maturazione artistica. Nell'album – il cui titolo è dedicato a Mario Musella, indimenticato cantante degli Showmen – ci sono canzoni di tante canzoni che sono rimaste fondamentali per il suo repertorio e non solo: ci sono i singoli "Quanno chiove" e "Nun me scuccià", a cui si affiancano pezzi come "I Say i' sto ccà", "Voglio di più", "E so cuntento ‘e sta'", "Alleria" e, ovviamente, "A me me piace ‘o blues", canzone che riassume bene quella che era l'anima del "Mascalzone latino".

Cosa significa "A me me piace ‘o blues"

"A me me piace ‘o blues" è una sorta di dichiarazione d'intenti di Pino, del suo amore per il blues, ovviamente, come spiegò anche in un'intervista a Ciao2001: "Io sono nato con mio papà che ascoltava Glenn Miller, il boogie-woogie e la musica napoletana; io ascoltavo Elvis. Quello sotto casa mia teneva tutti i dischi di Elvis Priesley e me lo faceva ascoltare. Dall'altra parte c'era quello che metteva Mario Merola e mi faceva ascoltare ‘O Zappatore. Quindi tra ‘O Zappatore e King Creole di Elvis, le due orecchie si sono fuse e ne è uscito qualcosa che non si sa bene cos'è". Nel brano il cantante un po' si sfoga, della sua ‘volgarità' (era già uscita, ad esempio "Je so pazzo" con quel famoso "Nun ce scassate ‘o cazz'"), di com'è, della voglia di essere naturale ("Tengo ‘a cazzimma e faccio tutto quello che mi va, pecchè so' blues e nun voglio cagnà'"). Pino riassume ciò che ama, la durezza che diventa morbida quando deve, chi non si ferma davanti a nulla ("A me me piace chi da ‘nfaccia senza ‘e se ferma', chi è tuosto e po' s'arape pecchè sape see'adda da'").

Il testo di "A me me piace ‘o blues"

A me me piace ‘o blues
E tutt'e juorne aggio cantà
Pecchè so stato zitto e mo è ‘o mumento ‘e me sfuga'
Sono volgare e so che nella vita suonerò
Pe chi tene ‘e complessi e nun' ‘e vò
A me me piace ‘o zucchero ca scenne dinto ‘o cafè
E see you ‘na presa d'annice ma chi è meglio ‘e me
Tengo ‘a cazzimma e faccio tutto quello che mi va
Pecchè so' blues e nun voglio cagnà'
Ma po' nce resta ‘o mare
E ‘a pazienza ‘e suppurta'
‘A gente ca cammina miezo ‘a via pe sbraita'
I' vengo appriesso a te
Pecchè so nato ccà
Sai che so niro niro

Ma nun te pozzo lassà'
A me me piace chi da ‘nfaccia senza ‘e se ferma'
Chi è tuosto e po' s'arape pecchè sape see'adda da'
Aiza ‘o vraccio ‘e cchiù per nun te fa ‘mbruglia'
E dalle ‘nfaccia senza te ferma'
A me me piace ‘o blues e tutt'e juorne aggiò canta'
Pecchè m'abbruscia ‘o fronte ‘e ‘na manera aggio sfuca'
Sono volgare e so che nella vita suonerò
So' blues astregne ‘e dienti e sona mo
Ma po' nce resta ‘o mare
E ‘a pazienza ‘e suppurta'
‘a gente ca cammina mmiezo ‘a via pe' sbraita'
I' vengo appriesso a te
Pecchè so nato ccà
Sai che so niro niro
Ma nun te pozzo lassa'

E sona mo, sona mo, sona mo
E sona mo, sona mo, sona mo
E sona mo, sona mo, sona mo
E sona mo, sona mo, sona mo
E sona mo, sona mo, sona mo
E sona mo, sona mo, sona mo
E sona mo, sona mo, sona mo