È arrivato il momento di Youtube di tirare le somme di cosa è stato questo 2018 sulla piattaforma video più vista al mondo e attore fondamentale nel mercato discografico mondiale. L'azienda di Google, infatti, ha reso note le classifiche dei video più visti dell'anno sulla piattaforma e quelli musicali, ovviamente, fanno la parte del leone, con i primi tre che vanno oltre i 100 milioni di views e gli altri che non ci vanno troppo lontano. Non è difficile immaginare quali sono i video più visti di quest'anno, visto che, solitamente, vanno di pari passo con quelli che sono i tormentoni estivi, soprattutto, allontanandosi, in verità da quelli che sono solitamente i più ascoltati in streaming. C'è una sorta di cesura tra Spotify, su cui si prediligono rap e trap e Youtube su cui si va più verso i tormentoni, appunto.

Sul podio, infatti, ci sono Takagi & Ketra con "Amore e Capoeira", pezzo che ha visto la collaborazione di Giusy Ferreri e Sean Kingston e ha attualmente oltre 124 milioni di visualizzazioni, in seconda posizione c'è un'artista abituata ai primati sulla piattaforma video, ovvero Baby K che con "Da zero a cento" è seconda con 112 milioni di visualizzazioni, mentre in terza posizione c'è Ghali con "Cara Italia", il pezzo che gli ha dato una seconda e fondamentale spinta che l'ha lanciato nel pantheon del pop italiano, che attualmente conta circa 102 milioni di visualizzazioni, tenendosi lontano, alle spalle, "Nera", la hit estiva di Irama, vincitore dell'ultima edizione di Amici di maria De Filippi con 77 milioni di views.

A seguire, nelle posizioni alte della classifica, ci sono "La Cintura" di Alvaro Soler (che ha 140 milioni di views, ma non solo in Italia), poi "Italiana" di J-Ax e Fedez con 66 milioni di visualizzazioni, "D’Estate non vale" di Fred De Palma con Ana Mena, poi Lo Stato Sociale con "Una vita in vacanza", canzone che li ha portati fino al secondo posto dell'ultimo Festival di Sanremo con 49 milioni di views poi Carl Brave con "Fotografia" ft. Francesca Michielin e Fabri Fibra, primo singolo da solista del cantante romano che ha totalizzato con 48 milioni di visualizzazioni e infine i Thegiornalisti con "Questa nostra stupida canzone d’amore" con 46 milioni.