6 Settembre 2014
12:06

I Tokio Hotel tornano dopo 5 anni. A ottobre il nuovo “King of Suburbia”

I Tokio Hotel furono un fenomeno musicale che sconvolse l’Europa a metà degli anni 2000. Pochi anni sulla cresta dell’onda, premi, classifiche conquistate e album venduti, fino alla scomparsa nel 2009. Ma a ottobre, dopo 5 anni, la band tornerà con il nuovo album “King of Suburbia” e l’attesa è enorme.
Tokio-Hotel-2014
Tokio Hotel

Che fine hanno fatto i Tokio Hotel? Se lo sono chiesti in molti negli anni passati, sorpresi dalla scomparsa improvvisa di uno dei gruppi che fino a qualche anno prima aveva conquistato classifiche e premi. A metà degli anni 2000, infatti, arrivò sul panorama mondiale una boy band tedesca che in breve tempo divenne fenomeno musicale e di costume, scalando le classifiche di tutta Europa e non solo e diventando un vero e proprio caso musicale, con concerti sold out e ragazzine impazzite per i due gemelli Bill e Tom Kaulitz (accompagnati da Georg Listing e Gustav Schäfer), che diventarono l'emblema del ritorno del fenomeno "Emo" che i media (ri)scoprirono improvvisamente, anche grazie ai tedeschi. Poi, improvvisamente, dopo i primi 4 album (3 + 1, visto che il terzo "Scream" era un best of in inglese dei primi due album "Schrei" e "Zimmer 483"), l'ultimo dei quali era "Humanoid" del 2009 la band decise di prendersi un po' di pausa. E così i Tokio Hotel scomparvero, benché i membri diedero vita ad altri progetti.

I numeri incredibili dei Tokio Hotel

Lasciarono però, alle proprie spalle 7 milioni di copie vendute nel mondo, 160 dischi d’oro e 63 dischi di Platino in 68 paesi e oltre 100 premi nazionali e internazionali, permettendo alla Germania di vincere un American MTV Video Music Award (i TH vinsero come "Best New Artist"). Sommersi da un successo inaspettato e fulminante, infatti, i ragazzi decisero di separarsi e vivere un po' più nell'anonimato, lontani dalle luci della ribalta e per questo i gemelli si trasferirono a Los Angeles, dove hanno potuto fermarsi un attimo, tirare il fiato e lavorare con più calma a quello che doveva essere il proprio futuro.

Il ritorno con King of Suburbia"

A metà 2014 cominciarono a farsi insistenti i primi rumors sulla possibilità che la band tornasse in campo con un altro album: voci, tweet e mezze conferme annunciarono che la band stava lavorando a un nuovo album, anche perché, nonostante i ragazzi si fossero separati geograficamente – dopo il successo inaspettato e globale che li colpì appena adolescenti – non avevano mai perso i contatti. Proprio da quei contatti nasce "King Of Suburbia" che uscirà ufficialmente nei negozi tradizionali e digitali il 7 ottobre (già ordinabile su iTunes): "Kings Of Suburbia – racconta il cantante Bill Kaulitz – è una emozione che può significare tutto o nulla allo stesso tempo. Può essere la colonna sonora perfetta del tuo universo, non importa quanto grande o piccolo sia”. 

I 4 ragazzi, intanto, sono cresciuti, niente più viso androgino e capelli lunghi e "a spina", ma barba e atteggiamento adulto, stando alle foto e i video che stanno rilasciando in questi ultimi tempi. Chissà cosa riserverà questo nuovo album a una band che, nel frattempo, ha visto fiorire, nell'industria musicale, altri fenomeni come Justin Bieber e i One Direction, che hanno calcato i loro stessi passi, fatti qualche anno prima. E chissà che fine hanno fatto i fan della band, se saranno ancora affamati di musica come all'epoca, trepidanti di rivedere i loro miti da adolescenti o ormai votati ad altre cause e altri gruppi. L'attesa è terminata e tra un mese sapremo se l'era della band tedesca è finita o potrà ripartire da dove si è fermata.

Tornano i Tokio Hotel: come è cambiata la band tedesca in 10 anni (Foto)
Tornano i Tokio Hotel: come è cambiata la band tedesca in 10 anni (Foto)
Le foto dei Tokio Hotel
Le foto dei Tokio Hotel
1.372.256 di Spettacolo Fanpage
I Verdena tornano con un tour e un nuovo album a 7 anni da Endkadenz Vol. 1 e 2
I Verdena tornano con un tour e un nuovo album a 7 anni da Endkadenz Vol. 1 e 2
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni