171 CONDIVISIONI
7 Marzo 2014
18:34

I funerali di Manlio Sgalambro, paroliere di Franco Battiato (VIDEO)

Si sono svolti questo pomeriggio, nella Chiesa Crocifisso dei Miracoli a Catania, i funerali di Manlio Sgalambro, filosofo ed autore di numerosi testi di Franco Battiato tra cui spicca “La cura”. Una chiesa affollatissima ha dato l’addio ad un grande intellettuale.
A cura di Fabio Giuffrida
171 CONDIVISIONI

Questo pomeriggio, nella Chiesa Crocifisso dei Miracoli a Catania, si sono celebrati i funerali di Manlio Sgalambro, filosofo e autore di numerosi testi di Franco Battiato. Deceduto giovedì mattina, aveva 89 anni: nato a Lentini il 9 dicembre del 1924, era, nello specifico, un filosofo, scrittore, poeta e cantautore. Nel 1994 era nata la sua collaborazione con Battiato e dal 1998 aveva cominciato a scrivere canzoni anche per Patty Pravo, Fiorella Mannoia, Carmen Consoli e Adriano Celentano. Una chiesa affollattima, qualche ora fa, ha dato l'ultimo saluto a Manlio Sgalambro che è stato ricordato anche dai suoi numerosi nipoti. Alla cerimonia erano presenti il Sindaco di Catania Enzo Bianco e Franco Battiato, che, però, ha preferito non rilasciare dichiarazioni alla stampa. Già stamattina, raggiunto dai cronisti, aveva definito la notizia come una "cosa privata" che gli avrebbe causato un "dolore personale molto forte".

È stato Manlio Sgalambro a scrivere "La cura": si tratta di uno dei brani più apprezzati della produzione di Battiato. "È morto un intellettuale importante per la Sicilia, che amava l'Isola" ha dichiarato, invece, Pippo Baudo.

171 CONDIVISIONI
Addio a Manlio Sgalambro, filosofo e paroliere di Franco Battiato
Addio a Manlio Sgalambro, filosofo e paroliere di Franco Battiato
Manlio Sgalambro interpreta Me gustas tu
Manlio Sgalambro interpreta Me gustas tu
Al Festival di Sanremo 2022 ci sarà un omaggio a Raffaella Carrà, Franco Battiato e Lucio Dalla
Al Festival di Sanremo 2022 ci sarà un omaggio a Raffaella Carrà, Franco Battiato e Lucio Dalla
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni