Come era stato ampiamente anticipato, i funerali del dj svedese Tim Bergling, meglio conosciuto, nel mondo, come Avicii si sono tenuti in forma privata. La funzione si è svolta oggi al cimitero di Skogskyrkogården a Stoccolma, Capitale del Paese ed erano presenti solo i parenti e gli amici più intimi, come ha dichiarato in una nota stampa la sua addetta stampa Ebba Lindqvist che non ha dato ulteriori informazioni. Da qualche settimana, però, si sapeva che non ci sarebbe stata alcuna cerimonia pubblica per permettere ai numerosi fan del musicista di poterlo salutare per l'ultimo, preferendo, quindi qualcosa di più intimo.

La morte in Oman

Il corpo di Avicii era stato trovato senza vita nel suo albergo a Muscat, in Oman, lo scorso aprile e da subito sono partite le inchieste e le voci su quello che avrebbe potuto portare alla morte di uno dei musicisti più noti al mondo, in grado di portare l'EDM a livelli ancora più popolari, ma che non aveva mai negato, soprattutto negli ultimi anni enormi problemi di salute causati da una vita piena di eccessi che lo costrinsero ad abbandonare l'attività live nel 2016 (il musicista soffrì di una pancreatite acuta). Bergling si trovava in vacanza con alcuni amici, in attesa, come avrebbe ammesso dopo la sua morte, il suo discografico, di tornare a lavorare su quello che sarebbe stato il suo nuovo album che stava definendo nelle settimane precedente, chiudendo pezzi e cercando collaborazioni internazionali.

Si sospetta un suicidio

Non si sa se quell'album uscirà postumo, per adesso, intanto le cause della morte restano ancora un mistero: non vi è stato, infatti, alcun annuncio ufficiale da parte di medici e della famiglia sul come abbia perso la vita il musicista anche se una nota della famiglia lascia pensare che Avicii si sia tolto la vita. Non ci sono segnali che facessero pensare a sospetti criminali, quanto le parole della famiglia che nella nota spiegava che il ragazzo "non poteva più andare avanti": "Quando ha finito il tour, voleva trovare un equilibrio nella vita per essere felice e poter fare ciò che amava di più: la musica. Ha davvero faticato nel pensare al Significato, alla Vita, alla Felicità. Non poteva più andare avanti. Voleva trovare la pace"