Giusy Ferreri è di certo una delle artiste più attese di questa 64esima edizione del Festival di Sanremo. Il suo talento è stato riconosciuto grazie alla partecipazione alla prima edizione di X Factor. Era il 2008 e con la sua voce graffiante e caratteristica riuscì ad aggiudicarsi il 2° posto, dietro agli Aram Quartet. Inizia, così, la sua carriera. Il primo album s'intitola "Gaetana" – il nome di battesimo della cantante infatti è Giuseppa Gaetana Ferreri. Segue, poi, l'album "Fotografie". Nel 2011 arriva la prima partecipazione a Sanremo con il brano "Il mare immenso". Giusy Ferreri si classifica decima. Intanto, nel 2011 esce anche il suo terzo album: "Il mio universo". Quest'anno la rivediamo al Festival della canzone italiana con due brani firmati da Roberto Casalino che già firmava, insieme a Tiziano Ferro, uno dei suoi più grandi successi: "Non ti scordar mai di me". Il cantautore ha scritto insieme a  Dario Faini, il brano "Ti porto a cena con me".

Ti porto a cena con me (TESTO)

Ti porto a cena con me
il tuo passato
non è invitato
lascia a casa le pene
se me lo sono
un pò meritato
Ti porto a cena
perché vorrei
che tu mi togliessi
il fiato
riaverlo indietro
da te come se fosse
il mio compleanno
il mio regalo
Avrei voluto
scriverti una lettera
anche se ormai
si usa poco
se fosse contagiosa
la felicità
adesso è fuori moda
vorrei che tra le righe
tu capissi che
che nonostante
il mio sorriso
non tutto è stato
semplice,
ed anche se nascondo
il peggio è perché
il meglio è andato
via con te
Ti porto a cena con me
ho un conto aperto
con il passato
che pagherò io
perché il tuo futuro
non sia un inganno
ti porto a cena perché
nel caso avessi
dimenticato
il mio coraggio
Avrei voluto scriverti
una lettera anche
se ormai si usa poco
se fosse contagiosa
la felicità
adesso è fuori moda
vorrei che tra le righe
tu capissi che
che nonostante
il mio sorriso
non tutto è stato semplice,
ed anche se nascondo
il peggio
è perché il meglio
è andato via con te,
via con te
La verità è che
mi sento morire dentro
e la bugia è che
non m’importa poi
così tanto
cosi tanto
Avrei voluto scriverti
una lettera
anche se ormai si usa poco
se fosse contagiosa
la felicità adesso
è fuori moda
vorrei che tra le righe
tu capissi che
che nonostante il mio sorriso
non tutto è stato semplice,
ed anche se nascondo
il peggio
è perché il meglio
è andato via con te,
via con te.