Il fisico conta o non conta? Meno del digitale e in particolare dello streaming, però per Giulia Molino  l'uscita del suo album d'esordio "Va tutto bene" in versione fisica l'ha riportata in classifica. La terza classificata dell'ultima edizione di Amici di Maria De Filippi, infatti, ha pubblicato la nuova versione del suo album, dopo averlo fatto uscire solo in digitale ed è tornata in classifica direttamente in decima posizione, migliorando quanto fatto qualche settimana fa quando esordì in diciassettesima posizione, prima di scendere giù e scomparire dopo un paio di settimane. La cantante ha scontato la mancanza degli instore che caratterizzavano solitamente la fine della trasmissione.

La mancanza di instore per Giulia Molino

Un modo per incontrare i fan, in code lunghissime. Fan che avevano acquistato l'album, che faceva da biglietto per incontrare l'artista preferito e facendo anche crescere le vendite e salire in classifica. Lo sanno bene Alberto Urso e Giordana Angi, che sono saliti molto subito dopo l'uscita dal talent, con il vincitore (Urso) che subito volò in prima posizione, seguito dalla cantante che salì in seconda posizione. In un mercato discografico in costante evoluzione e con lo streaming che la fa da padrone, soprattutto in queste ultime settimane, Giulia Molino, ma anche Gaia Gozzi, la vincitrice del talent, hanno sofferto non poco questa mancanza del fisico, non potendo contare di un enorme seguito su Spotify, ad appannaggio più del rap che del pop da talent.

La cantante pensa già al prossimo album

Ad ogni modo Giulia Molino può festeggiare la decima posizione, migliore finora e questa settimana davanti anche alla collega, ma come disse a Fanpage.it quest'album è già di transizione. La cantante ha cominciato a scrivere appena finita la trasmissione, ma spostandosi dal pop a versanti più urban: "Quello che è venuto fuori è qualcosa di stampo urban e mi fa molto piacere perché ho sempre trovato che la comunicazione con quel mondo fosse più immediata, anche più cruda rispetto al pop al soul o all'R&B proprio per una questione di messaggio, di metrica e di ritmica. In più ho scoperto che mi riesce più semplice esprimermi in questo modo piuttosto che con un brano pop".