Giulia Molino, seconda classificata nell'ultima edizione di Amici di Maria De Filippi, ha pubblicato il nuovo singolo "Cchiù fort'". La cantante, una delle favorite e più discusse dell'ultima edizione del talent di Canale 5, ha abbracciato quello che man mano che il programma proseguiva sembrava essere sempre più la sua strada, ovvero il rap. Nonostante l'inedito "Solo questo mi è rimasto" e un album tendenzialmente melodico e nel solco del pop più classico, la cantante non ha mai nascosto la passione per il rap e non è un caso che tra le sue cover c'era anche "Happy Days" di Ghali. La scuola le ha fatto capire che forse la strada che preferiva non era il pop, appunto, quindi dopo aver sbrigato la pratica del primo Ep "Va tutto bene", uscito a ridosso della finale della trasmissione, in un momento complesso, di lockdown, che non ha permesso ai cantanti di fare i soliti instore, Molino cambia tutto.

Il nuovo percorso di "Cchiù fort"

"Cchiù fort'" infatti cambia completamente strada e lo fa sia grazie al cambio radicale di look, con una serie di treccine argentate al posto dei folti ricci, ma soprattutto grazie all'aiuto di uno dei rapper campani più conosciuti e apprezzati degli ultimi anni, ovvero Lele Blade (che ha scritto pagine importanti sia da solista che con Le Scimmie assieme a Vale Lambo) a cui si affianca Hal Quartièr, il meno conosciuto dei tre. Giulia Molino rappa e si dà un'altra possibilità, mescolando l'italiano al napoletano. "Si parte per un nuovo viaggio. Grazie a tutti voi che mi sostenete da sempre, e a tutte le persone che hanno lavorato su questo progetto" scrive la cantante presentando il singolo. Il brano è lineare, la produzione cerca di dare a Giulia un vestito che non sia troppo di rottura e possa accompagnare anche il suo cantato, che si tiene lontana, per adesso, dal flow serrato: "Non ho ancora ben chiaro come impronterò il mio prossimo progetto, anche se devo dire che l'idea di poterlo indirizzare verso il rap mi farebbe piacere, perché in questo momento mi rappresenterebbe tanto" ci disse dopo la fine della trasmissione.

Giulia Molino e il rap di Nietzsche

In un'intervista a Fanpage parlò proprio di come si è avvicinata al rap, anche grazie a "Nietzsche", unico pezzo rap dell'album: "Quando ho cominciato a lavorare al progetto ero molto vicina al mondo del pop, era quella la mia vocazione. Nietzsche è un pezzo che è nato un anno e mezzo fa, più o meno, non mi ero mai approcciata al mondo urban prima: l'ho sempre ascoltato, certo, però non ho mai provato a cantare e scrivere barre su un beat, con delle metriche particolari. (…) Quando sono stata presa ad Amici ho valutato l'idea perché era un'occasione per poter far ascoltare un pezzo che comunque parla di dinamiche importanti". A quel brano, infatti, è affidato il racconto di anoressia della cantante.