6 Maggio 2014
12:13

Giorgia ricorda Alex Baroni: “Per molto tempo non me la sono sentita” (VIDEO)

È successo durante la tappa di Padova del “Senza paura tour 2014”, quando la cantante ha soddisfatto la richiesta dei fan interpretando il brano “Marzo” come omaggio al suo ex compagno Alex Baroni, scomparso prematuramente il 13 aprile del 2002.
A cura di Eleonora D'Amore

Un momento emozionante e non solo di buona musica quello vissuto dai fan di Giorgia durante la tappa di Padova del "Senza paura tour 2014". La cantante, infatti, dopo aver interpretato l'ultimo grande successo dal titolo "Quando una stella muore" e brani storici come "E poi", "Gocce di memoria", "Come saprei" e "Girasole", ha voluto condividere le sue emozioni più intense proprio con coloro che la seguono da sempre, sia nei suoi live che  sui suoi canali social. La richiesta era rivolta alla presenza del brano "Marzo" in scaletta e la motivazione delle più semplici: ricordare tutti insieme l'artista scomparso prematuramente nel 2002, nonché suo ex compagno, Alex Baroni.

Avevo fatto un sondaggio per i fan su Facebook su quali dovevano essere i cinque pezzi da non tralasciare e tra questi tornava sempre “Marzo”. Per molto tempo non me la sentivo di cantarla, ora sì e mi piace che venga ricordato lui come artista comunque. In generale mi sento più serena, con maggior sicurezza, ovviamente ho passato momenti all’inizio in cui non avevo proprio alcuna consapevolezza.

È così che Giorgia ha riaperto una parentesi ormai chiusa da anni, una parentesi che ha fatto male e ha provocato una profonda trasformazione, sia emotiva che stilistica. "Marzo" non è mai stata solo una canzone del suo repertorio, bensì il brano attraverso il quale ha cercato di esternare il terribile momento attraversato dopo la perdita e cercare, così, di "esorcizzare" quel dolore soffocante che per tempo le ha impedito anche solo di parlarne. "Le cose non vanno mai come credi, il cuore è pieno di lacrime rotte, il tempo è ladro di cose mai dette e so che indietro mai più si ritorna eppure ancora ti resto vicino, stanotte resta su questo cuscino" scrisse a quattro mani con il musicista Michael Baker e oggi, a 14 anni dalla morte di Alex Baroni, quelle parole sono state richieste con la stessa intensità e con la voglia immutata di starle vicino.

photo credit: Romana Correale via flickr

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni