È il 22 dicembre e come sempre il ricordo di molti italiani va ad Alex Baroni, il cantante morto in un incidente nel 2002 che oggi avrebbe compiuto 51 anni. Una vita e una carriera spezzata troppo presto, per un artista che aveva scritto canzoni diventate in poco tempo piccoli classici e che tutt'ora sono amatissime: "Onde", "Cambiare", "La distanza di un amore" sono solo la punta dell'iceberg di una carriera che è stata stroncata all'improvviso nel pomeriggio del 19 marzo 2002, a Roma, mentre percorreva in moto la circonvallazione Clodia, ed è stato travolto da un automobilista che aveva compiuto un'inversione di marcia in un punto vietato.

Il ricordo di Giorgia.

All'epoca il cantante si era da poco lasciato con un'altra delle grandi voci della musica italiana di questi anni, Giorgia, che ogni anno ricorda il suo ex compagno anche sui social. Poche ore fa la cantante ha pubblicato, sul suo profilo Facebook, uno status che recita: "In quell'angolo deserto del cuore risuona l'eco delle tue parole delle note di un tempo fermo immobile che non sente ragione e che niente vuol dimenticare, mai. 22 dicembre".

La dedica in Gocce di Memoria.

In un'intervista a Vanity Fair Giorgia parlò di come quel giorno cambiò tutto, nonostante i due si fossero lasciati da poco: "Il 2002 ha cambiato tutto. Il mio modo di essere, di pensare: tutto. Avrei voluto morire anch’io, con lui. Noi ci eravamo lasciati, ma le cose da dire erano ancora tante, troppe… Non mi rassegnavo". A Baroni, poi, la cantante ha dedicato una delle sue canzoni più note, ovvero "Gocce di memoria", una canzone in cui Giorgia parla di perdita, ma anche di memoria, appunto, quella che conserverà sempre e che la spingerà a raccontare e inventare: "Siamo gocce di un passato che non può più tornare, questo tempo ci ha tradito. È inafferrabile, racconterò di te, inventerò per te, quello che non abbiamo" canta Giorgia.