8 Maggio 2017
10:49

Gino Paoli ricorda Tenco: “Quando mi sparai disse che gente come noi non poteva suicidarsi”

Gino Paoli ha ricordato Luigi Tenco, a cui renderà omaggio il prossimo luglio durante l’Umbria Jazz, nell’anno del cinquantenario dalla scomparsa del cantautore piemontese.
A cura di Redazione Music

Il prossimo 9 luglio, all'Umbria Jazz, Gino Paoli interpreterà Luigi Tenco, nell'anno del cinquantenario della sua morte, avvenuta in gennaio, durante il Festival di Sanremo. In un'intervista al Messaggero Paoli ricorda la Genova degli anni '50 e ripercorre le tappe principali della loro amicizia, quando dopo il suo tentativo di suicidio Tenco gli disse che quelli come loro non si suicidano e di come si sentì quando scoprì che il cantante era stato trovato morto nella sua camera d'albergo. Prima, però, un pezzo di vita scatenata e anche un litigio che li divise: "Se non avessi rotto con lui, non si sarebbe ammazzato".

L'amicizia nacque quando Paoli vide Tenco esibirsi in un teatro, un vero e proprio "colpo di fulmine", quando la musica non era ancora la loro priorità: "Avevamo la stessa testa, anche se io ero un po’ più grande. Vivevamo lo spirito e la curiosità del dopoguerra (…) A Genova noi ribelli eravamo una decina, ci conoscevamo tutti. Impazzivamo per James Dean e scoprimmo il rock col film Il seme della violenza e Bill Haley che cantava Rock around the clock".

Un'amicizia che aveva anche una componente di sfida, ma niente invidia anzi. L'unico problema fu la Sandrelli: "Sono stato io a tagliare i ponti. Ma col senno di poi mi dispiace, è una cosa che mi è rimasta sempre di traverso (…) Era un figlio di puttana, ma nel caso di Stefania voleva dimostrarmi che aveva ragione, che non dovevo fare un figlio con lei". Poi arrivò la musica, con Giampiero Reverberi che fu il primo del gruppo ad andare a Milano, assunto dalla Ricordi, poi Tenco e poi pian piano gli altri, ma il successo di Paoli fu maggiore di quello dell'amico, anche se lo scambio continuo di idee e consigli per gli ascolti, francesi, soprattutto, non finì mai; per quanto riguarda la sua canzone preferita dell'amico era "Vedrai, vedrai, perfetta come musica e parole. Appartiene al periodo in cui cercava il lirismo", poi arrivo la politica e una delle morti più discusse della storia della musica e non solo.

Le foto di Gino Paoli
Le foto di Gino Paoli
20.247 di Spettacolo Fanpage
Beppe Vessicchio:
Beppe Vessicchio: "All'inizio non fu facile fare musica, mia moglie mi aiutò a non cedere"
Iva Zanicchi:
Iva Zanicchi: "Fausto non mi ha mai tradito, l'ho beccato prima che potesse farlo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni