673 CONDIVISIONI
11 Febbraio 2017
11:20

“George Michael è freddo, blu, è morto”: la drammatica telefonata del fidanzato ai soccorsi

The Sun pubblica l’audio della chiamata di Fadi Fawaz ai soccorsi, dopo aver trovato George Michael senza vita nel suo letto. Grazie alla registrazione, è possibile ricostruire quanto accaduto dopo la morte dell’artista.
A cura di Daniela Seclì
673 CONDIVISIONI

George Michael è morto improvvisamente il 25 dicembre del 2016. La polizia sta ancora indagando, per ricostruire quanto accaduto nelle ultime ore di vita della star. Intanto, The Sun ha pubblicato la drammatica chiamata del fidanzato Fadi Fawaz ai soccorsi. Nell'audio di circa 4 minuti, l'uomo dice all'operatrice:

"Sto provando a rianimarlo da un'ora ma è impossibile. Se ne è andato, è blu".

Quindi aggiunge: "È George Michael. Penso sia morto…è morto". Fawaz richiede un'ambulanza e l'operatrice gli chiede se ‘il paziente' stia respirando, il compagno del cantante spiega che George Michael non respira più. Quando gli viene richiesto l'indirizzo, Fadi – in evidente stato di shock – fa fatica a ricordarlo e ammette di stare ‘tremando‘. L'operatrice gli chiede dove sia il corpo del fidanzato e lui replica:

"È a letto, morto. È freddo, blu. È rigido. È morto…è morto".

Infine, Fadi Fawaz spiega che la morte del suo compagno è giunta inaspettata:

"No, no, no, no, no, no, ho aspettato che si svegliasse per ore…ma non si svegliava. Sono andato da lui ed era morto, non era più lì. È George Michael, il cantante".

Il nastro, dunque, sembra chiarire quanto accaduto il giorno della morte dell'artista. Il compagno avrebbe atteso che lui si svegliasse per ore, poi lo avrebbe raggiunto trovandolo morto.

673 CONDIVISIONI
È morto George Michael
È morto George Michael
George Michael, la
George Michael, la "fidanzata" del video di "Last Christmas": "Fantastico, amava ridere"
È morto George Michael, le foto più belle
È morto George Michael, le foto più belle
541.631 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni