190 CONDIVISIONI
18 Dicembre 2013
15:53

Francesco Renga per la settima volta sul palco di Sanremo

Vincitore nel 2005 con “Angelo”, Francesco Renga torna per la settima volta sul palco dell’Ariston, dove porterà i due brani “A un isolato da te” e “Vivendo adesso”
190 CONDIVISIONI

Francesco Renga sarà un altro dei protagonisti del festival di Sanremo 2014 e uno di quelli che l'ha vinto. Già, perché Renga si è aggiudicato la manifestazione canora nel 2005 con il brano "Angelo". Il cantante udinese è nato artisticamente con uno dei gruppi storici del rock italiano, ovvero i Timoria, che lasciò, però, nel 1998 quando fu Omar Pedrini ad accollarsi tutta la responsabilità del gruppo. Da quel momento, però Renga ha cominciato una fortunata carriera solista che non si è spenta con il successo sanremese, anzi.

Il primo approccio sanremese (da solista, visto che all'Ariston c'era stato già con la vecchia band), però, lo ha nel 2001 quando partecipa con "Raccontami" nella categoria "Giovani" che vince il Premio della Critica. L'anno dopo l'affermazione è totale anche grazie alla seconda partecipazione sanremese con "Tracce di te". Intanto Renga pubblica altri due album ("Camere con vista" e "Ferro e cartone") e consolida la sua posizione tra gli autori più amati della musica leggera italiana e nel 2009 torna novamente a Sanremo con "Uomo senza ali" che canta anche in duetto col soprano Daniela Dessì e si ripete sia nel 2010 quando, da Ospite esegue "La voce del silenzio", in occasione dei 60 anni del Festival, mentre nel 2011 duetta con Emma e i Modà.

La sua ultima presenza a Sanremo, però, risale al 2012 quando canta "La tua bellezza", prima dell'annuncio di oggi che lo porterà per la settima volta su quel palco.

190 CONDIVISIONI
Francesco Renga canta
Francesco Renga canta "Vivendo adesso" (VIDEO)
Francesco Renga canta
Francesco Renga canta "A un isolato da te" (VIDEO)
Francesco Sàrcina per la terza volta al Festival di Sanremo
Francesco Sàrcina per la terza volta al Festival di Sanremo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni