17 Novembre 2015
13:16

Fiorella Mannoia su Parigi: “Mi fa schifo chi cavalca la paura per i propri interessi”

Tra gli artisti che hanno detto al loro sugli attacchi terroristici che venerdì scorso hanno sconvolto Parigi, c’è anche Fiorella Mannoia che a Radio Campus ha dichiarato il suo disgusto per chi utilizza la pausa per i propri fini, senza risparmiare critiche ai Paesi occidentali e a Oriana Fallaci.
Foto: LaPresse
Foto: LaPresse

Chi la conosce sa che Fiorella Mannoia non ha peli sulla lingua, soprattutto se si parla di pace e diritti e così questa mattina, ai microfoni di radio Campus, ha spiegato, in relazione ai fatti di Parigi, il suo disgusto per la strumentalizzazione che alcuni, in Italia, stanno facendo di una strage che ha coinvolto la capitale francese, cavalcando la paura e lo spavento che quei morti hanno portato in tutto l'Occidente:

Sono disgustata dall'opportunità che viene data a chi sta cominciando a fare campagna elettorale. Mi fa disgusto chi inizia a fare campagna elettorale con i corpi ancora caldi dopo questa disgrazia. Ci sono politici che tirano l'acqua al proprio mulino cercando di compiacere la paura che alberga dentro di noi. Mi fanno schifo tutti quelli che cavalcano l'onda della paura per tentare di portare voti ai loro partiti.

Contro il titolo di Libero ‘Bastardi Islamici'

Strumentalizzazione che, però, vede coinvolti anche alcuni media, e in particolare, la Mannoia parla di Libero, che all'indomani dell'attacco, titolò ‘Bastardi islamici', scatenando l'ira di tantissime persone e la mezza retromarcia del direttore Maurizio Belpietro:

È vergognoso. Non si può cedere a questa paura e a questo estremismo. Non tutti i musulmani sono così. E non dimentichiamo che tutti i profughi che arrivano in Europa sono le prime vittime di questa follia. Poi, io, non credo mai alle notizie che la stampa ufficiale ci racconta. Questa è la molla che tutti dovremmo avere. Essere diffidenti, perché i mezzi di informazione sono manipolabili e molto spesso sono nelle mani dei potenti.

Le colpe dell'Occidente e le critiche alla Fallaci

A Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, spiega anche che le colpe vanno cercate anche nei comportamenti dei Paesi occidentali, senza tralasciare anche un pensiero su Oriana Fallaci, la giornalista e scrittrice che ha avuto parole molto critiche per l'Islam:

Non voglio difendere quei vigliacchi che fanno attentati, anzi. Io sono molto impaurita per quello che sta succedendo. Ma non sono vittime anche i civili morti durante i bombardamenti fatti dagli Usa o da altri Paesi occidentali? (…) Esaltarla [Oriana Fallaci, ndr] oggi è un mezzo per fare propaganda elettorale. Non è che siccome una sia stata una grande giornalista e una grande scrittrice avesse capito tutto. Io non sono per niente d'accordo su quello che diceva Oriana Fallaci, che non fa altro che esaltare ed avallare una guerra religiosa, di fanatismo, quando in realtà la religione con quanto sta accadendo non ha nulla a che vedere, è sempre stata un pretesto. Il nome di Dio è sempre stato preso in prestito per fare le più grandi nefandezze della storia.

Capodanno Roma, Fiorella Mannoia chiude il caso: 'Non voglio strumentalizzazioni'
Capodanno Roma, Fiorella Mannoia chiude il caso: 'Non voglio strumentalizzazioni'
Migranti, Fiorella Mannoia replica alle critiche:
Migranti, Fiorella Mannoia replica alle critiche: " È la mancanza di pietà a spaventarmi"
Fiorella Mannoia e Enrico Ruggeri in 'Quello che le donne non dicono'
Fiorella Mannoia e Enrico Ruggeri in 'Quello che le donne non dicono'
87.986 di MusicaMia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni