29 Novembre 2012
11:59

“Fingo di essere un nerd”, l’esordio dei Maddai

Non è facile essere alla moda (al giorno d’oggi). Si apre con questa “cit” l’opera prima di un gruppo sbarazzino che ironizza sull’eterna ossessione del voler apparire ad ogni costo.

Non è facile essere alla moda (al giorno d'oggi). Si apre con questa "cit" l'opera prima di un gruppo sbarazzino che sta facendo il giro del web: sono i Maddai.

Mai avremmo immaginato che tipi alla Louis Tully, l'indimenticabile personaggio interpretato da Rick Moranis nella saga dei Ghostbusters, diventassero improvvisamente di moda. E' il trend del momento, l'ondata di casino e confusione che mischia "hipster", "indie", "alternative people" e appunto "nerd". Gli iPhone, gli iPad, gli acquisti online, i cardigan e i mocassini, gli aperitivi delle sette del pomeriggio, questo ed altro ancora è racchiuso in "Fingo di essere un nerd", primo singolo dei Maddai. Torinesi, giovani e pimpanti, sono prodotti da Madaski degli Africa Unite ed un motivo che vada oltre questo singolo, già di per sé orecchiabile, di sicuro ci sarà. Non è una critica feroce e spietata a quanti oggi si ostinino a sembrare dei nerd giusto per cavalcare una moda, nei Maddai ne diviene piuttosto una presa per i fondelli su questo dannato, eterno tema dell'apparire ad ogni costo. Maddai, buona la prima, insomma.

Il bacio hot tra Bar Refaeli e un nerd sovrappeso (VIDEO)
Il bacio hot tra Bar Refaeli e un nerd sovrappeso (VIDEO)
Bar Refaeli bacia un nerd sovrappeso, spot commerciale per GoDaddy
Bar Refaeli bacia un nerd sovrappeso, spot commerciale per GoDaddy
29.821 di antofox
Una Domenica Notte, l'horror d'esordio di Giuseppe Marco Albano
Una Domenica Notte, l'horror d'esordio di Giuseppe Marco Albano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni