376 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Festeggia la vittoria sul cancro con 26 biglietti per lo show di Lady Gaga, ma non ce la fa

Le avevano detto che il cancro non c’era più e così, Melissa Anne Dabas, per festeggiare aveva regalato il biglietto per il cocnerto di lady Gaga a chi le era stato vicino. Ma la malattia si è ripresentata in maniera aggressiva, non permettendole di realizzare quel sogno.
A cura di Redazione Music
376 CONDIVISIONI
lady-gaga
Lady Gaga (Getty Images)

Melissa Anne Dabas era una donna di 42 anni che lottava contro un cancro al seno e amava Lady Gaga. Due cose apparentemente distanti ma che il destino ha unito, prima in maniera positiva e poi tragica. Alla donna, infatti, di 42 anni, era stato diagnosticato un tumore al seno che l'aveva costretta a una doppia mastectomia oltre a una serie di cicli di chemioterapia che l'avevano provata fisicamente, come racconta il Washington Post, che ha portato a galla questa storia drammatica. Lo scorso febbraio, però, la buona notizia: i risultati dei controlli davano tutto ok, il tumore era stato sconfitto e Melissa aveva vinto la sua battaglia, per il momento.

26 biglietti per il concerto

Come si festeggia una notizia del genere? Melissa lo sapeva bene e aveva deciso di portare tutte le persone che le erano state vicine, familiari (i marito e i due figli), medici, infermieri al concerto che Lady Gaga avrebbe dovuto tenere a Washington il prossimo 19 novembre. La donna aveva acquistato 26 biglietti (sic) per due settori diversi, così da assistere al concerto della sua artista preferita assieme a tutte le persone che l'avevano accompagnata in questo percorso di guarigione.

La reazione del marito e il senso di colpa

La spesa era stata esorbitante, circa 10 mila euro, come ricorda il marito al giornale americano: "Quando ho visto il conto, quasi non riuscivo a crederci. Dieci mila dollari? Una cifra del genere per i biglietti? Solo per i biglietti?". Sì, solo per i biglietti, ma la moglie – un avvocato d'ufficio che faceva volontariato per bambini disabili, che avevano passato un'infanzia difficile di abusi – credeva che quel prezzo fosse la giusta ricompensa per una battaglia del genere. Il WP racconta che l'uomo, Sanjay “Jay” Dabas, oggi sia pentito di quella prima reazione: "Sono molto arrabbiato con me stesso per quella reazione, sono errori che si fanno, certo, e mi sento così in colpa, continuamente".

Il ritorno del tumore

Il senso di colpa nasce dal prosieguo della storia, perché Melissa, nel frattempo, dopo aver comprato i biglietti e pensato alla festa ha cominciato a provare forti dolori alla schiena, ma inizialmente si pensava a normali dolori, finché una radiografia non mise nero su bianco quello che era uno dei maggiori timori, il ritorno della malattia: "Appena vidi i risultati, le lacrime cominciarono a scorrermi dagli occhi. Dalla TAC riuscivo a vedere chiaramente che il cancro era tornato e in forma aggressiva. Scoppiai a piangere". Lei, però, gli chiese di non conoscere la diagnosi, non voleva sapere quanto tempo le restava, perché, ha spiegato il marito, voleva poter vivere quello che le restava al meglio: "Jay – disse  – sia tu che io sappiamo che questo cancro mi porterà probabilmente alla morte. Ma ti prego, non portarmi via da quello che sono. Non te lo permetto e non permetterò al cancro di farlo. Non permettere mai di non farmi essere ciò che sono".

La morte ascoltando Lady Gaga

Poco dopo, era il 2 settembre, Melissa è morta, "ascoltando Lady Gaga". Nei giorni successivi Jay ha cercato di capire quale fosse il miglior modo per rendere onore alla moglie e così ha pensato alle storie che gli raccontava Melissa e alle difficoltà delle persone non ricche di pagarsi le cure. per questo motivo ha deciso di mettere in vendita 10 dei biglietti acquistati e di donare il ricavato alle famiglie con cui la moglie ha passato gli ultimi giorni, mentre alcune persone andranno al concerto, per ricordarla come lei avrebbe voluto.

376 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views