11 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Facebook vuole permettere ai musicisti di guadagnare con i live sulla piattaforma

Facebook ha annunciato alcuni cambiamenti soprattutto per i live e una parte di questi potrebbero riguardare anche la Musica. Il social network, infatti, sta pensando di introdurre la possibilità di far pagare per alcuni eventi live come concerti, lezioni e conferenze, così da permettere agli artisti di monetizzare.
A cura di Francesco Raiola
11 CONDIVISIONI
Foto Karen Ducey/Getty Images
Foto Karen Ducey/Getty Images

Facebook ha annunciato alcuni cambiamenti soprattutto per i live e una parte di questi potrebbero riguardare anche la Musica. Da quando la pandemia di Covid-19 ha obbligato al distanziamento sociale e all'impossibilità di riunirsi in gruppo, i concerti live sono stati tra i primi eventi colpiti. Un comparto da centinaia di milioni di euro l'anno che da un giorno all'altro ha dovuto chiudere e lasciare disoccupate migliaia di persone. I cantanti, da par loro si sono attrezzati proprio sfruttando al massimo le potenzialità livestream delle piattaforme social, in particolar modo di Instagram, con dirette sui propri canali, sessioni di domande e risposte coi fan fino a una serie di minilive acustici e dj set che hanno alleviato un po' le giornate dei fan: in Italia lo hanno fatto in tanti, chi in maniera più improvvisata e chi, invece, dando anche una regolarità alla cosa, come ha fatto Jovanotti, con ospiti ogni giorno.

Pagare er vedere video esclusivi su Facebook

Facebook ha un potenziale enorme (ed è anche proprietaria di Instagram), sia in termini di persone raggiunte che di capacità tecniche e per questo motivo all'interno di un pacchetto annunciato per potenziare proprio questo settore, ha anche lasciato intendere che si muoverà affinché i cantanti e gli artisti in generale possano trarre anche profitto. All'interno di una nota intitolata: "Introduzione a Messenger Rooms e più modi per connettervi quando siete distanti", infatti, ha relegato una sezione proprio a "Nuovi video live pensati per Facebook, Instagram e Portal" in cui si legge: "Potrete segnare Facebook Events come esclusivamente online e nelle prossime settimane integrare con Facebook Live così da poter trasmettere assieme ai vostri ospiti – si legge nella nota -. Per supportare i creator e le piccole imprese, stiamo anche pensando di aggiungere la possibilità per le Pagine di far pagare per avere accesso a eventi con video Live su Facebook, dalle performance online alle lezioni fino alle conferenze professionali".

I live a pagamento sono una possibilità

Insomma, ci si comincia a muovere per pensare alle alternative per i cantanti, e non solo, di poter rendere fruttuoso anche la loro presenza online. Con gli eventi fermi, infatti, gli artisti potranno organizzare piccoli concerti a pagamento o esibizioni, lezioni, conferenze, appunto. Resta da vedere, come sempre accade in queste situazioni, quanto gli utenti siano disposti a pagare per questo genere di servizio. Come sottolinea il sito Music Ally, però, questa possibilità non è l'unica data da Facebook per guadagnare con i live, dal momento che "il social network ha annunciato che espanderà il suo sistema di donazioni per i musicisti". Intanto c'è chi si sat già attrezzando per riorganizzare la promo anche senza gli instore: Ghemon, ad esempio, ha appena pubblicato l'album "Scritto nelle stelle" e assieme all'etichetta Carosello sta dando la possibilità a chiunque ha acquistato l'album di poter fare piccole sessioni di videochat con lui.

11 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views