12 Settembre 2018
11:15

Eros Ramazzotti: “Ho pensato di smettere, non volevo essere come quelli che vivono di memoria”

Eros Ramazzotti torna a parlare in un’intervista a tre anni di distanza dall’ultima volta e lo fa toccando vari temi. Il cantante, che uscirà a novembre con l’album “Vita ce n’è” ha spiegato che si è chiesto se avesse ancora senso fare musica nuova, ha parlato dei suoi esordi e si è sbottonato anche sulla politica.
A cura di Redazione Music
Eros Ramazzotti sulla copertina di Vanity Fair
Eros Ramazzotti sulla copertina di Vanity Fair

Il nuovo album si chiama "Vita ce n'è" (uscirà il 23 novembre) e probabilmente il motivo di questo titolo sta tutto in quel momento in cui Eros Ramazzotti si è reso conto che sì, vita ce n'era ancora nel suo mondo musicale e che, quindi, poteva scrivere, suonare, registrare, senza finire nel calderone di quelli che vivono di nostalgia, grazie ai vecchi pezzi, quelli che "Ricordi? Meglio i primi album". Ci ha pensato su, ha riflettuto, ha soppesato una serie di elementi e soprattutto ha riascoltato e, chissà, avrà fatto ascoltare le sue cose nuove fino a convincersi che sì, poteva rischiarlo un altro album, anche perché sono mesi che la Universal lo supporta e parla bene del materiale su cui il cantante stava lavorando: "Ho passato qualche anno in cui non sapevo se continuare o fermarmi per sempre. Mi sono chiesto se continuare avesse un senso perché mi sono detto: ‘Che lo compongo a fare un disco tanto per farlo?'. Ci sono tanti artisti che vivono di memoria, non volevo iscrivermi al club" ha dichiarato il cantante a Vanity Fair che gli ha dedicato anche la copertina.

Gli esordi difficili

Si descrive come uno con una vita da film e un'adolescenza da ragazzo chiuso: "Ero chiuso, più che timido. Il mio migliore amico era Billy, il mio cane. Un pastore belga con il quale correvo e andavo in piazza a osservare e ascoltare gruppetti pieni di persone che non facevano altro che dire ‘andiamo a ballare, a divertirci, a mangiare una pizza'. Cazzeggiavano tutti. Io stavo in disparte e pensavo che la mia vita dovesse essere comunque un’altra roba", poi la musica, che ha scoperto quando aveva 5 anni, cominciando da autodidatta e la decisione di trasferirsi a Milano, i primi successi e con loro anche lo stress: "Da Terra Promessa, che vinse a Sanremo Giovani, avrò fatto il giro del mondo in 80 giorni, come Giulio Verne, almeno 200 volte" continua.

Le parole su Salvini che smaschera l'ipocrisia

Ricorda anche i primi sfottò, le cattiverie ("Dicevano che invece di cantare belavo? Me ne sono sempre fregato") e con molta onestà ammette che forse se avesse cominciato a fare musica oggi non è sicuro che avrebbe avuto tutto il successo che ha avuto, senza risparmiare una stoccata ai talent: "Oggi se i giovani resistono due generazioni sono dei mostri e sarebbe difficile emergere anche per me. Imbarcano chiunque per fare cassa e dopo una stagione li accantonano per dare spazio ad altri dieci disgraziati". Non disdegna, però, la musica nuova, da Ghali a Coez passando per Calcutta e nella sua prima intervista dopo tre anni parla anche di politica, del padre comunista che "immaginava un mondo equo in cui a tutti toccasse in sorte un pezzo di pane. Era utopia e lo scoprì sulla sua pelle" e di Salvini che a volte è "duro e pesante" ma "Smaschera l’ipocrisia generale".

Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker di nuovo insieme con Aurora nel video di
Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker di nuovo insieme con Aurora nel video di "Ama"
Michelle Hunziker e il rapporto con l'ex Eros Ramazzotti:
Michelle Hunziker e il rapporto con l'ex Eros Ramazzotti: "Il sentimento cambia ma è sempre amore"
Jovanotti sarà nell'album di Eros Ramazzotti che si esibirà nelle
Jovanotti sarà nell'album di Eros Ramazzotti che si esibirà nelle "più grandi arene del mondo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni