14 CONDIVISIONI

Enrico Ruggeri sulle critiche di alcuni fan: “Contro i puri e duri difendo la mia onestà”

Ha prestato la voce a una pubblicità Enrico Ruggeri, ma ad alcuni fan ‘duri e puri’ la cosa non è piaciuta e lo hanno criticato. Il cantante, quindi ha voluto dedicargli una lunga riflessione per difendere la sua onestà intellettuale.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
14 CONDIVISIONI
Immagine

Da sempre le pubblicità scelgono testimonia noti per pubblicizzare i propri prodotti. È una consuetudine che va avanti da sempre, a partire da Carosello, fino ai giorni nostri. Testimonial, si chiamano e ogni azienda in base a una serie di fattori ne sceglie uno a cui legare la propria immagine, che sia un volto o una voce. Solitamente non succede nulla di eclatante, altre volte qualche fan storce la bocca. È successo a Enrico Ruggeri, la cui voce è stata scelta dalla Negroni per cantare il jingle dei cubetti di pancetta: "Le stelle sono tante, milioni di milioni: la stella di Negroni vuol dire qualità". Pochi secondi in cui si ascolta la voce dell'autore di ‘Mistero', che però ha scatenato qualche critica alla quale il cantante ha risposto a muso duro tramite la sua pagina Facebook:

Ho prestato la voce ad uno spot pubblicitario, cantando uno slogan ‘storico’ appartenente alla mia infanzia e a quella di tutti i miei coetanei. Quasi tutti quelli che mi hanno scritto si sono dimostrati divertiti. C’è stata una piccolissima percentuale di duri e puri che invece ha manifestato dissenso, quasi che la cosa fosse ‘dequalificante’ per un musicista che si proclama serio. Non risponderò a questi solo citando la numerosa compagnia di personaggi dello spettacolo che da sempre hanno abbinato la loro immagine alla pubblicità (Jannacci, Dario Fo, Gassman e tantissimi altri fino a Fiorello).

Niente di scandaloso, quindi, sottolinea Ruggeri, il quale mette le distanze con coloro che si sono macchiati di fatti ben più gravi: ‘prostitutorie' le chiama lui, prima di tornare indietro di qualche secolo, quando gli artisti erano mantenuti dai mecenati:

Aggiungerò che ci sono artisti che si sono prestati a cose ben più gravi, prostitutorie direi, presso i potenti di turno: quello è venir meno a dignità ed etica”. Ricorderò anche che i più grandi poeti, pittori e musicisti dei secoli passati hanno vissuto di mecenatismo, dipingendo i nobili che li ospitavano, affrescando le loro magioni, o scrivendo poesie e musiche alle loro signore. Il denaro, per loro, è indipendenza creativa: non ci compro macchine lussuose, barche o cocaina, io faccio dischi che mi piacciono, come e quando mi va, scrivo libri e articoli, conduco trasmissioni. Senza dover rendere conto a nessuno del mio operato.  Questo è il lusso che voglio permettermi, questa è la mia cifra distintiva: il musicista più bravo, la copertina più curata, il palco più bello e, perché no?, una bella business class per arrivare più in forma al concerto.

E poi, anima e voce possono anche essere cose diverse:

Per ottenere e difendere la mia onestà intellettuale posso anche prestare la mia voce. Senza vendere la mia anima.

14 CONDIVISIONI
Fiorella Mannoia e Enrico Ruggeri in 'Quello che le donne non dicono'
Fiorella Mannoia e Enrico Ruggeri in 'Quello che le donne non dicono'
Pechino Express, Pico Rama: "Enrico Ruggeri è contento di me e di quello che ho trasmesso"
Pechino Express, Pico Rama: "Enrico Ruggeri è contento di me e di quello che ho trasmesso"
Giletti si difende: "Non ho mai parlato male di Napoli, ma solo di alcune zone"
Giletti si difende: "Non ho mai parlato male di Napoli, ma solo di alcune zone"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views