È Mahmood con la canzone Gioventù Bruciata il vincitore dei Sanremo Giovani, il programma andato in onda su Rai Uno. Condotto da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, Sanremo Giovani ha decretato il secondo artista che il prossimo febbraio si aggiungerà ai Big che cercheranno la vittoria, seguendo le orme di Ermal Meta e Fabrizio Moro che se la sono aggiudicata con "Non mi avete fatto niente". Nome conosciuto, Mahmood non è per niente un esordiente, anzi è un artista molto noto nell'ambiente, collaboratore, tra gli altri, di Fabri Fibra e Gué Pequeno, ha scritto pezzi come "Nero Bali" di Elodie e alcuni brani dell'ultimo album di Marco Mengoni, compreso l'ultimo singolo "Hola, I Say", ma ha scritto anche pezzi come "Pesos" e "Milano Good Vibes".

Chi è il vincitore di Sanremo Giovani

Mahmood ha battuto i colleghi Federico Angelucci, Cannella, Cordio, La Rua, La Zero, Le Ore, Mahmood, Mescalina, Francesca Miola, Nyvinne, Saita e Sisma. Il vincitore è stato scelto tramite una votazione che ha visto coinvolta la Commissione Musicale guidata da Claudio Baglioni che ha avuto un peso complessivo del 40%, dalla Giuria Televisiva presieduta da Luca Barbarossa con al suo fianco Fiorella Mannoia, Annalisa, Luca Bizzarri e Paolo  Kessisoglu con un peso del 30%, stesso peso che ha avuto il televoto del pubblico.

Tutti gli artisti del Festival di Sanremo 2019

Il vincitore di Sanremo Giovani, quindi, raggiungerà Federica Carta e Shade con "Senza farlo apposta", Patty Pravo con Briga con "Un po' come la vita", Negrita con "I ragazzi stanno bene", Daniele Silvestri con "Argento vivo" e gli Ex Otago con "Solo una canzone", Achille Lauro con "Rolls Royce", Arisa con "Mi sento bene", Francesco Renga con "Aspetto che torni" e i Boomdabash con "Per un milione", Enrico Nigiotti con "Nonno Hollywood", Nino D'Angelo e Livio Cori, Paola Turci (L’ultimo ostacolo), Simone Cristicchi (Abbi cura di me), Zen Circus (L’amore è una dittatura),  Anna Tatangelo (Le nostre anime di notte), Loredana Bertè (Cosa ti aspetti da me), Irama (Ragazza col cuore di latta), Ultimo (I tuoi particolari), Nek (mi farò trovare pronto), Motta (Dov’è l’Italia), Il Volo (Musica che resta) e Ghemon (Rose viola)