1.803 CONDIVISIONI
29 Marzo 2013
22:35

E’ morto Enzo Jannacci

Muore a 77 anni un artista memorabile, attore, cabarettista, musicista. Ha collaborato nel corso della sua carriera con i più grandi artisti del panorama italiano, da Gaber a Celentano, passando per Tenco.
A cura di Andrea Parrella
1.803 CONDIVISIONI
small_110219-151404_mi170308spe_00099

Dopo un lungo periodo di malattia di cui tutti erano a conoscenza, si è spento Enzo Jannacci, cantautore, attore, cabarettista e cardiologo milanese. Noto per il suo passato televisivo e musicale, nel quale collaborò con i più noti artisti della scuola milanese, da Gaber, col quale formò un sodalizio quarantennale, a Celentano, passando per Dario Fo, Renato Pozzetto e Teo Teocoli, pur non tralasciando altri personaggi che hanno segnato la storia della capitale del nord negli scorsi decenni, uno su tutti Beppe Violai. È ricordato come uno dei pionieri del rock ‘n roll italiano, insieme ad altri come Luigi Tenco e Little Tony. Muore all'età di 77 anni e di sicuro lascia un vuoto incolmabile, in virtù del ricordo dell'ironia e la sagacia che sempre l'hanno contraddistinto.

Il rapporto con Milano – Viscerale fu il rapporto con la città e con il suo dialetto. Jannacci scrisse buona parte dei suoi pezzi utilizzando il milanese puro o sfumature del dialetto. Inoltre i riferimenti geografici e culturali sono una costante. Senza mai rispettare schemi fissi, si è sempre reso celebre per lo sfondo surreale sul quale la sua creatività si è sempre mossa, non lasciando mai spazio alla prevedibilità, a canoni fissi.

Le canzoni più celebri – Sono pressoché innumerevoli i successi che Jannacci è riuscito a realizzare, senza che un motivo o un genere musicale fosse predominante sugli altri. Alcune opere più delicate, intime e di nicchia, a modo loro capolavori come Giovanni telegrafista o Vivere fino ad altri successi divenuti veri e propri tormentoni nazional popolari, ma sempre dotati di una delicatezza ed un'ironia nella composizione ammirevoli. Come scordare Vengo anch'io no tu no, Quelli che…, El portava l scarp del tennis.

 
1.803 CONDIVISIONI
Tweet #Jannacci, il cordoglio degli artisti per Enzo
Tweet #Jannacci, il cordoglio degli artisti per Enzo
Il Belvedere di Palazzo Pirelli intitolato a Enzo Jannacci
Il Belvedere di Palazzo Pirelli intitolato a Enzo Jannacci
Milano saluta Enzo Jannacci fuori la basilica di Sant'Ambrogio
Milano saluta Enzo Jannacci fuori la basilica di Sant'Ambrogio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni