Chet "JR" White (foto di Frazer Harrison/Getty Images for Coachella
in foto: Chet "JR" White (foto di Frazer Harrison/Getty Images for Coachella

Chet "JR" White, già metà della band Girls e collaboratore di artisti come Tobias Jesso Jr e Cass McCombs è morto. A darne la notizia l'ex compagno di band Christopher Owens che lo ha scritto su Twitter: "Spero che tu non senta altro che pace ora fratello mio. Ti voglio bene e ti ringrazio per aver creduto in me e per quello che hai portato in tavola. Sempre e per sempre sarò sempre orgoglioso di te… Ricorderò sempre che hai protetto Liza, Patrick, me stesso e Beta dai cretini" ha scritto Owens sul social, aggiungendo anche degli emoticon di dispiacere". Il cantante è morto domenica sera nella sua casa di Santa Cruz, a causa di un infarto, stando a quanto scritto da Dean Bein fondatore della True Panther Records che ha pubblicato gli album della band.

Chi era Chet Jr White

White, nato a Santa Cruz, è cresciuto suonando in alcune band punk prima di spostarsi a san Francisco quando aveva circa 20 anni e diventando tecnico del suono. Fu proprio l'esperienza all'Istituto di tecnico del suono della California che lo fece entrare in contatto con Owens con cui cominciò il progetto Girls nel 2007. La band pubblicò il suo primo album nel 2009 e subito diventò un caso nel mondo indie, la band ottenne successo e notorietà nell'ambiente. Un successo che fu bissato prima dall'Ep "Broken Dreams Club" e poi da quello che sarebbe diventato l'ultimo album dei Girls "Father, Son, Holy Ghost", pubblicato nel 2011.

Dalla musica suonata alla produzione

L'anno successivo la band si sciolse e Owens andò in solitario mentre White tornò alla passione per il suono, collaborando, appunto, con artisti come Cass McCombs (nell'album "Big Wheel And Others") e producendo l'album di debutto di Tobias Jesso Jr "Goon", oltre a "Sob Story" dei The Spectrals. In un'intervista di quegli anni (riportata da Stereogum) il musicista spiegò che amava fare musica ma capì, a un certo punto, che era meglio produrre. Anche l'ex batterista della band Derek James, che li completava durante i live ha ricordato l'ex compagno: "Riposa in pace amico mio e compagno di band, immenso talento musicale e produttore con un orecchio fine. I Girls so no stati la migliore band degli anni Zero? Forse sì"