(ph via Facebook)
in foto: (ph via Facebook)

Roger Charlery, meglio conosciuto nell'ambiente musicale come Ranking Roger, membro dei Beat e dei General Public è morto all'età di 56 anni come conferma una nota pubblicata sula pagina Facebook dei Beat: "Ha lottato, lottato, lottato, Roger era un combattente". Purtroppo Roger è scomparso poche ore fa, in pace, nella sua casa, circondato dalla famiglia- La famiglia di Roger ringrazia tutti per il supporto costante in questo periodo difficile. Daremo maggiori informazioni nei prossimi giorni" si legge nella nota che non dà ulteriori informazioni sulle cause, anche se è noto che la salute del cantante non era buona da tempo.

La storia di Ranking Roger

Ranking Roger era uno dei musicisti più noti nell'ambiente ska punk inglese e americano (dove i Beat erano conosciuti come English Beat, cambiamento dovuto a motivi di copyright e per non confonderli con la band americana omonima). Lo scorso gennaio lui stesso comunicò che era affetto da due tumori al cervello e da un cancro al polmone. nato nel 1963 a Birmingham Charlery si unì ai Beat giovanissimo diventandone il cantante principale e collaborando in tutti e tre gli album della band: "I Just Can’t Stop It" del 1980, "Wha’ppen?" del 1981 e "Special Beat Service" del 1982. L'anno dopo, però, la band si sciolse e il cantante formò i General Public con il suo vecchio compagno di gruppo Dave Wakeling, pubblicando duen album, "All the Rage" del 1984 e "Hand to Mouth" nel 1984 prima della fine anche di questa nuova avventura che, però, visse una seconda vita negli anni 90. Tra le canzoni più famose dei beat c'erano "Mirror in the Bathroom" e "Too Nice to Talk To". La band era riuscita a ottenere anche un discreto successo negli Stati Uniti dove, appunto, si esibivano con un nome diverso.

Il ritorno come Beat

Nel 2016, dopo alcuni progetti solisti, Ranking Roger pubblicò il primo disco a firma Beat dopo trent'anni dallo scioglimento, mentre lo scorso gennaio la band ha pubblicato il seguito di quell'album, "Public Confidential"; Rolling Stone ha ricordato come il cantante avesse da poco finito di scrivere la sua autobiografia.