C'è una narrazione nella costruzione della popolarità di alcuni artisti canadesi che incredibilmente riesce a sovrapporsi su più generazioni, anche se rientrano nel periodo segnato dall'inizio degli anni 2000. Una crescita riconosciuta attraverso numeri raccolti sui social con cover, e poi l'improvviso il successo discografico, così prorompente da segnare un salto verticale tra l'essere un adolescente sul web, a un musicista in grado di fare sold out in ogni continente. È stata prima la storia di Justin Bieber, poi quella di Shawn Mendes, che ha preferito passare il testimone a Johnny Orlando, ormai stella della musica pop nord americana e personaggio in tendenza sui social, con 6,3 milioni di seguaci su Instagram e quasi 10 su Instagram. Nelle ultime settimane, dopo il successo del 2020 del suo "It's never really over", ha pubblicato nel giorno del suo 18esimo compleanno, un Ep: "It's my birthday".

I primi video su Youtube e il successo di Teenage Fever

Johnny Orlando è l'ultimo fenomeno discografico canadese, un ragazzo che come tanti altri in passato si era fatto notare su Youtube, addirittura nel 2011 quando incominciò attraverso le cover di alcune canzoni ad avere un grande seguito sui social. Dopo aver fatto uscire qualche singolo su Youtube, in cui la fanbase ha giocato un ruolo fondamentale per l'accesso numerico al portale mainstream della musica canadese, Johnny Orlando pubblica una collaborazione con un'altra stella dei social: Mackenzie Frances Ziegler, in arte Kenzie. Il loro "Day and night" raggiunge otto milioni di stream su Spotify e il suo nome comincia a girare come l'ennesima teen star della musica internazionale. Seguono i successi di "What if" e "Last Summer", ma la sua natura musicale viene resa pubblica solo nel 2019, con il suo primo Ep: "Teenage Fever". Il ragazzo raccoglie tutte le sonorità della pop music che hanno fatto bene ai vari Bieber e Mendes, alternandola alcune volte a melodie più funky, attraendo un pubblico maggiore anche su TikTok grazie ad alcuni ritornelli, come quello di "Sleep". riprodotto più di 3mila volte nei video sulla piattaforma cinese.

L'esplosione di What if con Kenzie e i premi Mtv

Lo stesso Johnny Orlando parla del suo primo Ep affermando: "Pensavo di aver finito la mia crescita ai 16 anni e volevo raccontarla, ma dal 2019 sono cambiate tantissime cose. Il mio mondo è stato stravolto". Infatti dopo il successo di "Teenage Fever", Johnny Orlando ha davanti il percorso liceale che si sta per completare e la chiusura del suo secondo progetto "It's never really over". Un momento nella vita della stellina del pop che lo porta anche al riconoscimento di un tour internazionale in streaming con 13 date, dall'India al Canada, per arrivare anche in Italia. L'uscita di "It's never really over" è anche il consolidamento delle sue qualità musicali, con ritornelli di assoluta qualità come nel brano "Adelaide", ma il suo piazzamento nella top 20 dei dischi più ascoltati in Canada, da il senso di ciò che Johnny Orlando ha costruito. Nel frattempo a rendere straordinario il successo del cantante canadese è anche la challenge sul suo singolo in collaborazione con Kenzie "What if". Il brano è diventato uno dei più virali in rete, raggiungendo 64 milioni di visualizzazioni su Spotify, ma soprattutto venendo inserito in più di 13 milioni di video su TikTok. Un risultato che le è valso anche il premio di "Best Canadian Act" agli Mtv Music Awards sia nel 2019, che nel 2020.