15 Febbraio 2010
19:44

Dialetti d’Italia, dalle regioni alla compilation

È uscito qualche giorno fa il cd che racchiude i 46 brani dialettali più famosi del Bel Paese, da “La Valsugana” a “Malafemmena”.
A cura di Paola Ciaramella

massimo ranieri

È curioso: proprio nei giorni del Festival di Sanremo – che quest’anno tanto ha polemizzato riguardo all’ammissione dei brani in dialetto all’interno della gara – arriva un doppio cd con le più famose canzoni in vernacolo del nostro Paese. La compilation si intitola Dialetti d’Italia ed è uscita il 12 febbraio, pubblicata da Warner Music.

Quarantasei le tracce contenute nel disco, le più famose canzoni in dialetto tratte dal repertorio del Nord, del Centro e del Sud Italia. Troviamo così le alpine Montagne del me’ Piemon, La pastorala, Il cjalzumit, La Valsugana e le padane L’uva fogarina, La bella Gigogin, Sciur padrun da li beli braghi bianchi.

Spazio poi alle romane Tanto pe’ cantà e Roma nun fa’ la stupida stasera, alle meridionali Calabrisella e Quant’è bello lu primm’ammore, fino alle celebri canzoni napoletane, come Malafemmena e ‘O surdato ‘nnammurato, e a tantissimi altri pezzi conosciuti non solo nella Penisola. Ad arricchire la compilation ‘A livella di Totò e Ma se ghe penso, recitata in genovese da Gilberto Govi.

Le registrazioni coprono un arco di circa quarant’anni, dagli anni Trenta ai Settanta, e sono intepretate da un eterogeneo cast di artisti – Claudio Villa, Domenico Modugno, Bruno Lauzi, Ornella Vanoni, il Quartetto Cetra, Massimo Ranieri i Ricchi e Poveri, Nino Taranto, il maestro Pregadio e tanti altri.

Insomma, un vero e proprio viaggio nella tradizione del Bel Paese e nella storia in musica delle singole regioni, unite dal filo conduttore senza tempo della canzone dialettale.

Paola Ciaramella

Soma Records annuncia la nuova compilation
Soma Records annuncia la nuova compilation
Dialetti d' Italia in uscita il prossimo 12 febbraio
Dialetti d' Italia in uscita il prossimo 12 febbraio
Sanremo dice sì ai dialetti, ed è subito polemica
Sanremo dice sì ai dialetti, ed è subito polemica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni