4 Novembre 2013
11:15

Debuttano gli Youtube Music Awards che incoronano Eminem artista dell’anno

Si sono svolti ieri sera a New York, tra improvvisazione, anteprime e qualche imprevisto, i primi Youtube Music Awards della storia, ovvero i premi del colosso video che hanno incoronato, tra gli altri, Eminem come artista dell’anno.
A cura di Francesco Raiola

C'era molta curiosità attorno agli Youtube Music Awards, i premi organizzati dal colosso video per premiare i fenomeni portati alla luce dalla propria piattaforma e che sono stati, al contempo, i più social dell'anno (le premiazioni sono avvenute anche in base al riscontro social dei diversi artisti). Dopo la riuscita a metà di alcuni precedenti tentativi live – come ricorda The Verge – il direttore artistico Spike Jonze ha deciso di rendere tutto un po' più complesso lasciando ai due presentatori Jason Schwartzman e Reggie Watts solo un canovaccio su cui muoversi. L'improvvisazione come unica scaletta, quindi, con un pizzico di imprevisto a condire il tutto (come quando ai presentatori sono stati lasciati due bambini, uno dei quali piangente): "Non avevamo mai idea di quello che sarebbe successo" ha detto Schwartzman al Guardian "Tutto ciò che avevamo in scaletta era il premio successivo, ma non c'erano indicazioni, nessun copione e non avevamo idea di quello che sarebbe successo un attimo dopo".

Insomma, se l'idea di Jonze era quella di smarcarsi dai soliti premi il punto di partenza era proprio l'improvvisazione, a fronte di scalette più o meno precise (dove anche gli "scandali" sono più o meno calcolati, come il twerk di Miley Cyrus ai VMA). E pare che il regista ci sia riuscito, benché non sia mancata un po' di confusione che ha fatto il pari con qualche imprevisto divertente, come l'intervento di Win Butler degli Arcade Fire che durante la premiazione di Taylor Swift (non presente) come "Fenomeno di Youtube" è salito sul palco per dichiarare come il vero fenomeno fosse l'"Harlem Shake", per poi andare via non prima di aver gettato il microfono a terra.

Ma sono state le esibizioni il piatto forte della serata garzie agli artisti importanti che si sono esibiti e di cui sono stati proiettati anche alcuni video: Arcade Fire, Eminem, M.I.A., Lady Gaga, tra gli altri. Alcuni tra loro hanno presentato delle anteprime, come "Dope" di Lady Gaga, presentata live per la prima volta e il video di "Afterlife" degli Arcade Fire, girato dallo stesso Jonze. Proprio i video sono stati, ovviamente, un punto importante della serata anche grazie all'improvvisazione di cui si parlava sopra. Mentre gli artisti si esibivano, infatti, alcuni registi, tra cui proprio Jonze e Milk, hanno creato sul momento dei video live.

Ma quali sono stati i vincitori della serata? In fondo a quello servono i premiLa serata sarà ricordata anche per la vittoria del K-Pop delle Girls Generation su Miley Cyrus. Le ragazze coreane, infatte si sono aggiudicate il premio come video dell'anno, confermando la loro viralità. Ma è stato Eminem il "Personaggio dell'anno", battendo gente come Justin Bieber, Katy Perry, Psy, One Direction, mentre la rivelazione dell'anno sono stati Macklemore & Ryan Lewis. "See Me Standing" di DeStorm ha vinto come "Innovazione dell'anno", mentre la cover dell'anno va a Lindsey Stirling e Pentatonix, "Radioactive" (degli Imagine Dragons).

Qui potete vedere alcune tra le migliori esibizioni.

Un'altra nomination per i Maneskin, in lizza come migliori artisti agli MTV Video Music Awards
Un'altra nomination per i Maneskin, in lizza come migliori artisti agli MTV Video Music Awards
Awards e streaming: ecco come Youtube vuole diventare la nuova tv mondiale
Awards e streaming: ecco come Youtube vuole diventare la nuova tv mondiale
TIM Music Awards – Dalla Radio al Palco, la scaletta dei cantanti in diretta su Rai 1
TIM Music Awards – Dalla Radio al Palco, la scaletta dei cantanti in diretta su Rai 1
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni