D-Ross e Startuffo e "5 è il numero perfetto". Sono loro ad aver realizzato la colonna sonora del film di Igort, in concorso alla 76esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Nella serata di domenica 1 settembre 2019, i due produttori musicali saluteranno il pubblico insieme agli attori nella sala del Metropolitan alle 20.30 e del Modernissimo alle 21.30.

Le musiche e il progetto

In proiezione al Festival del cinema di Venezia – Giornate degli autori, "5 è il numero perfetto" è ufficialmente in calendario nelle sale italiane da giovedì 29 agosto e tutti potranno capire e amare le atmosfere dilatate dei brani creati dalla coppia. Qui, D-Ross, produttore napoletano, e Startuffo, parigina, che insieme hanno curato le produzioni, tra gli altri di Luchè, Fabri Fibra, Marracash, Raiz, Clementino e Franco Ricciardi, vincendo il David di Donatello 2014 per "A verità", brano colonna sonora del film dei Manetti Bros "Song'e Napule", hanno sfoggiato tutto il loro talento mischiando jazz, rock, soul e funk.

Abbiamo realizzato questa colonna sonora avendo in comune con Igort una fortissima ammirazione per i grandi compositori del cinema italiano: Nino Rota, Ennio Morricone, Armando Trovajoli. Il nostro obiettivo era creare temi forti e riconoscibili, abbastanza potenti da poter dialogare e respirare assieme ai personaggi, alle inquadrature e alle situazioni della storia di ‘5’. Non ci bastava un accompagnamento musicale. Ovviamente le influenze in fase creativa sono state molteplici: abbiamo recuperato sia nostri input di Pink Floyd e Henry Mancini sia frammenti di surf e black funky con sfumature di psichedelia anni ‘70.

Il film

"5 è il numero perfetto" è la opera prima di Igort ispirata alla sua omonima graphic novel. È la storia di Peppino Lo Cicero (Toni Servillo), guappo a riposo, che ritorna nella città di Napoli per scoprire cosa è successo a suo figlio. Con la sua amata Rita (Valeria Golino) e il suo fedele partner Toto ‘o macellaio (Carlo Buccirosso), Peppino scoprirà di nuovo quel mondo fatto di dolore, tradimento e crudeltà.