13 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Cory Monteith, oltre a Glee, batterista della rock band Bonnie Dune (VIDEO)

L’attore, morto ieri sera, era una delle voci principali di Glee ma la musica l’aveva nel sangue anche nella vita reale dove suonava la batteria per la rock band californiana Bonnie Dude.
A cura di Francesco Raiola
13 CONDIVISIONI
Immagine

La morte di Cory Monteith, protagonista di Glee, ha sconvolto il mondo del cinema e non solo. Monteith, che da tempo aveva seri problemi di droga ed è stato trovato morto ieri sera all'hotel Fairmont Pacific Rim di Vancouver, nella serie tv impersonava Finn Hudson, quarterback della squadra di football del liceo che viene costretto a far parte del glee club dopo che il direttore del club Will Schuester lo sente cantare sotto la doccia e lo incastra. Finn diventa così la voce maschile del club e, nonostante la squadra non la prenda benissimo, capisce che quella è la strada che vuole percorrere.

L'attore, però, non si dedicava solo alla musica grazie al suo alter ego televisivo, anzi. Monteith, infatti, faceva parte di una rock band californiana, i Bonnie Dune in cui suonava la batteria. Fu proprio Cory a voler rimettere su la band formata qualche tempo prima da Justin Wilczynski e Jason Massey che dovettero molare la presa dopo un trasferimento dalla California. Come si legge dalla loro biografia la band riprese vita quando Justin cominciò a lavorare per la serie di MTV Kaya e incontrò proprio Monteith che lo convinse a riprovarci. A loro sio aggiunsero Seth Roberts alla chitarra e voce e Joshua Kerr al basso. L'anno scorso il gruppo rilasciò il primo EP dal titolo "The Lost EP".

Proprio il mese scorso, con quello che risulta essere l'ultimo messaggio della band su Facebook, il gruppo annunciava che stava lavorando su un secondo Ep: "Guess what!? A new EP is coming…".

E proprio su un social network, twitter per l'occasione, arrivano i primi messaggi di dolore dei suoi compagni. Seth Roberts scrive che il suo cuore "è così triste per la tragica perdita di un amico", mentre Joshua Kerr scrive: "Assolutamente distrutto per la perdita di un grande amico. Speravo veramente potessimo farci un'altra chiacchierata prima che te ne andassi. Aiutami lassù quando arriverò".

13 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views